Rosaria, la miss presa a calci e pugni dal compagno: “Denunciate”

 

Anche lei, che porta i segni indelebili sulla propria pelle ha lanciato il suo appello contro la violenza sulle donne. "Denunciate le violenze", dice Rosaria ai microfoni. Lei, l’aspirante Miss che non intendeva denunciare il suo compagno, Antonio Caliendo, imprenditore edile di Casal di Principe, l’uomo che l’ha percossa a calci e pugni fino a spappolarne la milza che le è stata asportata dai medici che l’hanno operata e seguita durante i 19 giorni di ricovero dopo quell’ultima lite.

Un rapporto distorto, malato che non ha mutato la posizione di Rosaria la quale non ha voluto sporgere denuncia né esplicitare prima d’oggi una esplicita condanna nei confronti del compagno. L’ex modella di Macerata Campania (Caserta), è intervenuta all’iniziativa promossa dal Comune di Napoli al Maschio Angioino, in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, in collaborazione con le associazioni femminili locali, i sindacati, la Asl Napoli 1, l’università ‘Federico II’, la consulta delle elette e gli assessorati alle Politiche sociali, all’Istruzione e ai Giovani.

Un segnale positivo, di maturità da parte della ragazza che aveva rifiutato di denunciare il proprio aguzzino sollevando polemiche e perplessità. Nel giorno del processo contro il suo carnefice, celebrato pochi giorni fa, è tornata a ribadire il suo amore per Caliendo, lo stesso uomo che l’ha aggredita brutalmente nel maggio scorso. Come, pare, già capitato in passato. L’uomo che ha precedenti per ingiuria, violazione di domicilio, percosse, lesioni non era presente in aula, ma è stato condannato a 1 anno di reclusione.

Rosaria, la miss presa a calci e pugni dal compagno: “Denunciate...