Equinozio d’autunno 2021: quand’è e le differenze con il solstizio

L'equinozio d'autunno segna la fine dell'estate: quando cade nel 2021 e che differenza c'è col sostizio

L’equinozio d’autunno segna la fine dell’estate nel nostro emisfero: salutiamo così le giornate calde e afose per fare spazio a temperature più fresche, per vedere gli alberi cambiare colore e prepararci all’inverno che verrà.

Il termine equinozio deriva dal latino aequinotium che a sua volta proviene dalla parola composta aequi-noctis, ovvero “Notte uguale (al giorno)”. In occasione dell’equinozio d’autunno l’asse terrestre si trova in posizione quasi perpendicolare ai raggi solari: questo vuol dire che le ore di sole saranno pari a quelle di buio (come succede a marzo con l’arrivo della primavera). Quindi durante questa giornata – che cade sempre nel mese di settembre, anche se la data può variare di anno in anno – la durata del giorno è uguale a quella della notte.

L’inizio dell’autunno, che avviene di solito tra il 22 e il 23 settembre, dipende quindi da questo evento astronomico, che si verifica quando il Sole si trova allo zenit dell’Equatore e i raggi colpiscono la Terra in modo perpendicolare, esattamente come accade anche per l’equinozio di primavera.

Nel 2021 il passaggio dall’estate all’autunno avverrà il 22 settembre alle ore 21.20. Quest’anno l’equinozio d’autunno sarà anticipato da un altro evento astronomico da non perdere: il 21 settembre, alle 01.55 di notte, si potrà osservare anche la luna piena del raccolto, che sarà il quarto plenilunio dell’estate dato che la stagione autunnale avrà inizio soltanto poche ore dopo.

Mentre durante gli equinozi il giorno e la notte si “equiparano”, durante i solstizi d’estate e d’inverno segnano invece due momenti, anch’essi di passaggio, in cui nel primo caso si raggiunge il massimo di ore di “sole” nell’anno mentre nel secondo caso il minimo. Questo significa che i solstizi di estate e di inverno rappresentano rispettivamente il giorno più lungo e più corto dell’anno: il termine in questo caso deriva dal latino solstitium, composto da sol-, “Sole” e -sistere, “fermarsi”, perché il Sole cessa di alzarsi (o scendere) rispetto all’equatore. Anche in questo caso il fenomeno è dovuto all’inclinazione dell’asse di rotazione terrestre rispetto all’eclittica.

Con l’arrivo dell’equinozio ci sarà anche il passaggio da ora legale a ora solare: quest’anno il cambio dell’ora è previsto per ottobre e, nello specifico, nella notte tra il 30 e il 31 ottobre.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Equinozio d’autunno 2021: quand’è e le differenze con il ...