Emanuele Filiberto canta “Bella ciao” e si scusa coi partigiani

Il Principe ai microfoni di Un giorno da Pecora ribadisce “Qualcuno è entrato nel mio Ip. Quello che non scuso sono gli insulti e chi mi ha dato di vigliacco. Capito Gassmann?

Emanuele Filiberto ha di nuovo chiesto pubblicamente scusa per il famoso tweet contro i partigiani, pubblicato, a suo dire, da un hacker.

E per avvalorare le scuse, ha ribadito che “non ha niente contro i partigiani, solo grande rispetto” e ha addirittura cantato “Bella ciao”  ai microfoni di Un giorno da pecora.

Ovviamente aiutato dal conduttore, perché non conosceva le parole.

Ospite di Geppi Cucciari e Giorgio Lauro, a Radio2, Emanuele Filiberto ha spiegato com’è nato l’equivoco

Qualcuno è entrato nel mio ip e ha retwittato un articolo che parlava delle associazioni partigiane. Io ho subito fatto denuncia, a Montecarlo, per individuare l’ip, ovviamente

Alla domanda “Lei cosa ne pensa dei partigiani?”, risponde:

Non ho niente contro i partigiani e li rispetto Non mi sarei mai permesso di dire una parola su delle persone che hanno sacrificato la vita per la libertà di questo paese. Mi dispiace un sacco per quanto successo, e queste non sono scuse vigliacche

E aggiunge

Sono stato il primo Savoia a condannare pubblicamente le leggi razziali con una cerimonia ufficiale alla presenza del rabbino di Roma

Poi si toglie qualche sassolino dalla scarpa

Mi dispiace molto quello che è successo. Quello che non scuso sono tutti gli insulti, chi mi ha dato di vigliacco. Un po’ di dignità. Vorrei ricordare che mia nonna ha aiutato molto i partigiani, portando loro le armi dalla Svizzera all’Italia

Dopodicheé Emanuele Filiberto ha accettato l’invito dei conduttori a metter fine alle polemiche cantando, in diretta, ‘Bella Ciao’. Peccato solo non sapesse le parole.

Emanuele Filiberto canta “Bella ciao” e si scusa coi partigia...