Addio a Dolores O’Riordan, cantante dei Cranberries

I fan dicono addio alla mitica cantante che ha segnato un'epoca. Lascia tre figli

Il mondo della musica piange la morte di Dolores O’Riordan dei Cranberries. La cantante irlandese è morta all’età di 46 anni a Londra, ma non è ancora chiaro cosa abbia portato a questo tragico epilogo. L’annuncio è arrivato tramite un comunicato stampa della sua agente, che però non svela nulla riguardo le circostanze della morte. Forse potrebbe essersi trattato di un malore, ma di certo tutto verrà chiarito dall’esame tossicologico.

Nel frattempo i fan, gli amici e la famiglia ricordano una donna e un’artista straordinaria, dotata di una voce che ha cambiato per sempre la storia della musica. Un’anima fragile e un passato doloroso hanno segnato profondamente l’esistenza di Dolores O’Riordan. Classe 1971, era nata a Limerick e cresciuta a Ballybricken, in Irlanda, in una famiglia numerosa formata da sette fratelli. Tra gli 8 e i 12 anni di età, Dolores aveva subito degli abusi da una persona di cui i genitori si fidavano. Questo le aveva provocato un trauma indelebile che l’aveva fatta cadere nella depressione e nell’anoressia. Nel 2015 le era stato diagnosticato un disturbo bipolare. «Avevo semplicemente smesso di mangiare, vivevo a sigarette e caffè», disse di sé stessa.

Nel 1994 aveva sposato Don Burton, manager dei Duran Duran, da cui aveva avuto tre figli: Taylor Baxter, Molly Leigh e Dakota Rain. Nel 2011 quando suo padre era morto, Dolores aveva incontrato nuovamente al funerale il suo aguzzino. L’uomo le si era avvicinato, chiedendole scusa e quell’incontro aveva riaperto le ferite che non si erano mai rimarginate, spingendola addirittura a pensare al suicidio. Poco dopo, nel 2014, era arrivato anche il divorzio dal marito dopo vent’anni d’amore.

Dolores O'Riordan dei Cranberries

Dolores O’Riordan non aveva mai nascosto il suo passato difficile

Il suo talento unico e indimenticabile era stato riconosciuto immediatamente da Noel e Mike Hogan, che con il cantante Fergal Patrick Lawler avevano fondato i Cranberries. Dopo una lunga gavetta e concerti in giro per i locali il gruppo aveva pubblicato nel 1994 “No Need to Argue”, il disco che ha segnato il successo internazionale vendendo oltre 16 milioni di copie.

In seguito Dolores aveva tentato la carriera solista, per poi tornare nella band nel 2009. Nel frattempo la cantante era finita spesso sui giornali di gossip. Prima era arrivata in tribunale con l’accusa di aver sequestrato il passaporto della sua baby sitter, poi era stata arrestata per aver aggredito un agente di polizia e una hostess presso l’aeroporto di Shannon, in Irlanda. Durante quest’ultima causa, le venne riconosciuta una “grave malattia mentale”, che la portò a trascorrere tre settimane in un istituto psichiatrico.

Addio a Dolores O’Riordan, cantante dei Cranberries