Noi che leggevamo il Cioè (che oggi compie 40 anni)

Buon compleanno a Cioè, la rivista che ci ha tenuto compagnia quando non esistevano smartphone e social network

Noi che attendevamo solo quel momento della settimana per correre in edicola e comprare Cioè, o chiedevamo alla mamma di farlo per noi. E guai a perdere quel numero che regalava l’accessorio di tendenza del momento, così come non potevamo fare a meno di quei quiz e tutti quei test da svolgere insieme alle nostre amiche.

Perché a quei tempi non avevamo una marca di cellulare da scegliere, dato che non esistevano gli smartphone, né dovevamo chiedere il permesso per iscriverci su Facebook. L’unico favore da chiedere a mamma e papà era quello di passare in edicola per prendere l’ultimo numero di Cioè che regalava il poster del nostro idolo del momento, come potevano negarci questa gioia?

E da quei tempi, tante cose sono successe e cambiate. Lungi da noi farvi sentire troppo âgée, ma udite udite: dal primo numero di cioè sono passati esattamente 40 anni. Tanti, vero?

Era infatti il 7 ottobre del 1980 quando, nelle edicole di tutto il Paese fece la sua prima comparsa la rivista dedicata ai giovanissimi. Non un giornalino qualunque, intendiamoci, ma Cioè, un vero e proprio punto di riferimento per milioni di ragazze e ragazzi.

E in questo mese la storica rivista tascabile edita da Panini Magazines compie 40 anni, un traguardo incredibile assolutamente da festeggiare. Per celebrare questo importante anniversario arriva in edicola un numero speciale, disponibile da venerdì 23 ottobre: Cioè c’era… Cioè c’è.

Perché in effetti, a guardarci un po’ indietro, Cioè c’è sempre stato. Durante le prime cotte e le liti con le amiche, quando ci affidavamo alla rubrica interna per leggere consigli. E che dire delle tendenze che potevamo seguire solo sulla rivista, perché non esistano i social network, e quando ancora ci divertivamo a collezionare i gadget proposti, le copertine adesive e i poster di grandi dimensioni delle star dello spettacolo.

Cioè è stato anche l’interior designer delle nostre camerette: grazie a quei poster e agli adesivi abbiamo ricoperto muri e armadi con moltissimo entusiasmo, un po’ meno quello delle nostre mamme che ci supplicavano di non sporcare il muro.

E pensare che sono passati “solo” 40 anni”! In occasione dei festeggiamenti di Cioè, ci è concesso un piccolo salto indietro nel tempo, visto che in edicola, insieme al nuovo numero, ci sarà una rivista speciale interamente dedicata agli anni ’80: I Mitici Anni ’80, una vera e propria DeLorean costruita sull’immenso archivio della testata.

Cioè anniversario

40 anni di Cioè – Fonte Ufficio Stampa

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Noi che leggevamo il Cioè (che oggi compie 40 anni)