Bufera su Kate: “Devi essere una madre, non l’utero della Casa Reale”

Non c’è pace per la povera Kate. Sembra proprio che non riesca a portare avanti la seconda gravidanza, ufficializzata l’8 settembre scorso, con un po’ di tranquillità. Oltre a dover sopportare le forti nausee che l’hanno costretta a cancellare tutti gli impegni ufficiali, e le cattiverie di Camilla, ci mancava ora l’attacco violento che le ha rivolto la guru delle femministe, Germaine Greer.

La Geer, autrice del famoso libro del 1970 L’eunuco femmina, non ha usato mezzi termini: "Kate dev’essere una madre, non l’utero della Casa Reale". Non è la prima volta che la Duchessa di Cambridge subisce attacchi mediatici di questo tipo. Già in passato era stata accusata di essere un fantoccio nelle mani dei Windsor.

Ciò che colpisce, però, è che questa volta le critiche pesanti arrivano da una femminista che dovrebbe difendere anziché attaccare Kate. Cerchiamo di capire. Secondo la Geer Kate sta subendo la gravidanza. "E’ troppo esile" per affrantare una seconda gestazione a solo un anno dal parto di George. Anzi "non dovrebbe più avere figli". E’ per questo che soffre così tanto, più della prima gravidanza.

La guru delle femministe non si ferma qua. Nell’intervista a Newsweek si scaglia contro chi ha avuto da ridire sulle scelte di Kate per la ristrutturazione di Kensington Palace. "Non può neanche arredarsi la casa, lo fanno persino le mogli dei presidenti americani". E poi ne ha anche per la regina Elisabetta che ha asfisiato la nipote per le sue gonne troppo corte, le sue scollature troppo profonde…

Ma allora Kate è vittima dei Windsor o ne è complice? Dalle parole di Germaine Greer proprio non si capisce.

Bufera su Kate: “Devi essere una madre, non l’utero della ...