Bimbo morto in auto: papà chiede perdono e apre un gruppo FB

Una tragedia che ha sconvolto tutti. Il 4 giugno Andrea Albanese si è recato al lavoro dimenticandosi il suo bimbo di due anni in macchina. Il piccolo è morto per disidratazione, otto ore in auto a una temperatura di circa 60°. Entrambi i genitori sono stati ricoverati in ospedale sotto dosi massicce di tranquillanti
Il papà, indagato per omicidio colposo, ha chiesto perdono alla moglie pubblicamente. Inoltre ha aperto un gruppo sul social: Mai più morti come Luca!, scatenando la polemica.

In realtà l’intento del papà di Luca è quello di evitare che tragedie simili si ripetano. Alcuni quotidiani locali hanno riportato la notizia, il gruppo Facebook potrebbe trasformarsi in un’associazione che si batte per ottenere una legge salva bambini:

"Nessun bambino dovra’ più morire come Luca! – dice Andrea Albanese – Ci vuole un sistema che avvisi acusticamente quando le portiere vengono chiuse e c’e un bambino legato sul seggiolino! In tutte le auto, per legge! E sarà la legge di Luca!".

 

Bimbo morto in auto: papà chiede perdono e apre un gruppo FB