Animali e alimenti dolci: cioccolato veleno per cani

Anche in piccole quantità, il cioccolato è un alimento potenzialmente letale, per questo considerato un vero e proprio veleno per cani

Il gruppo di scienziati dell’American Chemical Society, ha condotto studi sull’argomento, cercando di mostrare la ragione per cui il cioccolato è un vero e proprio veleno per i cani, più sono di taglia piccola e più sono a rischio.
Infatti il peso incide notevolmente sulla capacità di assorbimento dell’animale.
Causa del problema, è la Teobromina, ma che cos’è?

La Teobromina, è una sostanza contenuta nel cioccolato che ha gli stessi effetti della caffeina, ovvero il blocco funzionale dei recettori del cervello, quelli addetti a gestire il ritmo sonno-veglia.
Questa situazione comporta l’aumento dei battiti cardiaci, e l’apporto al cervello dell’ossigeno e dei nutrienti necessari.

Il problema degli amici a 4 zampe è che hanno grosse difficoltà ad assorbire questa sostanza, la quale danneggia irrimediabilmente il loro sistema nervoso.
Sbagliata è anche la credenza che in piccole dosi non sia letale per loro, rende solo più lungo il tempo in cui si manifesta il problema, ma è comunque dannoso per il cane.

Possono volerci anche 12 ore prima che si manifesti nell’animale un’intossicazione da Teobromina, che risulterà fatale.
I sintomi per riconoscere tale malessere nel cane, sono l’aumento della temperatura corporea, difficoltà respiratorie, tachicardia e disturbi gastrointestinali.

La sostanza è dannosa per tutti, solo che l’uomo ha la capacità tre volte superiore rispetto al cane, di metabolizzare la Teobromina, motivo per cui ne può consumare quantità decisamente superiori.
La cioccolata al latte inoltre presenta una percentuale di sostanza decisamente inferiore rispetto a quella fondente, che risulterà comunque letale per il cane anche a dosi molto esigue.

Considerate che 400 grammi di cioccolata fondente ucciderebbero un cane di 20 kg, mentre per quanto riguarda il cioccolato al latte, il corpo di un cane di tale peso ne sopporterebbe fino a circa 2 kg, e non si tratta di valori assoluti, ma di massimi livelli di tolleranza.

La Teobromina è una sostanza che risulta dannosa anche per i felini, non solo per i cani.
Infatti anche i gatti hanno mostrato di risultare poco inclini a tollerare la sostanza in questione, ma la differenza tra i due tipi di animali, è che i gatti rispetto a loro non sono ghiotti di dolci, quindi se ne tengono alla larga.

La sostanza risulta un potenziale pericolo anche per l’uomo, in quanto produce gli stessi effetti della caffeina.
Anche se il corpo umano ha la facoltà di metabolizzare tre volte di più la Teobromina rispetto ai 4 zampe, non significa che se ne possa fare un uso scriteriato.

In conclusione, tenete lontani i vostri animali da cioccolata di ogni genere. Nel caso in cui il vostro animale abbia mangiato del cioccolato, consultate subito il veterinario.

Immagini: Depositphotos

 

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Animali e alimenti dolci: cioccolato veleno per cani