Winehouse, dichiarazione choc del fratello: “Amy uccisa dalla bulimia”

Alex Winehouse, il fratello maggiore di Amy, è convinto che la bulimia sia la causa principale della morte di Amy avvenuta nel luglio del 2009, non l’abuso di alcol e droghe. Dichiara all’Observer: "Amy era bulimica, bastava guardarla per capirlo. Questa malattia ha contribuito a rendere il suo corpo più debole e fragile, per cui penso che, anche se magari sarebbe morta lo stesso, la vera ragione del suo decesso sia stata proprio la bulimia".

Racconta che Amy, artista sublime, era bulimica sin da ragazzina: "Quando era adolescente frequentava un gruppo di ragazze che lo facevano sempre: mettevano un sacco di salse sul cibo, lo divoravano e poi correvano a vomitare. Loro hanno smesso di farlo, ma Amy non ha mai davvero smesso… Noi sapevamo cosa faceva ma era quasi impossibile contrastare questa malattia, specialmente perchè è un argomento di cui non si parla mai". La bulimia è caratterizzata da un atteggiamento compulsivo nei confornti del cibo ingerito, non dalla voglia di mangiare uno specifico alimento. Colpisce prevalentemente soggetti femminili (90%). E ci sono due tipi di bulimia: quella dove il soggetto ricorrere regolarmente a vomito autoindotto o lassativi, diuretici o enteroclismi. E quella dove la persona bulimica assume comportamenti compensatori dannosi (digiuni estremi e perpetrati e intensa attività fisica).

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Winehouse, dichiarazione choc del fratello: “Amy uccisa dalla&nb...