Alda D’Eusanio: “Ho perso la memoria e soffro di crisi epilettiche”

Perdite e crisi epliettiche sono alcuni dei gravi distrubi che Alda D’Eusanio deve affrontare quotidianamente dopo che un motorino l’ha investita tre anni fa, riducendola in coma e procurandole alcune emoraggie interne e fratture.

A raccontare il suo calvario è la stessa giornalista a Barbara D’Urso, ospite della trasmissione Domenca Live. "Non posso più uscire di casa da sola perché potrebbe venirmi una crisi epilettica da un momento all’altro, non posso più guidare. Ti svegli al mattino con un mal di testa allucinante, ti alzi dal letto e cadi. Non hai più la possibilità di sentire odori né sapori. Puoi mangiare un’insalata come il caviale ed è la stessa cosa. Non posso più lavorare perché non ho più memoria".

Oltre alle crisi epilettiche, la D’Eusanio non ha più memoria, non ricorda nemmeno chi sia Garibaldi: "Sono senza memoria, come se vivessi in un film di fantascienza".

La giornalista ha poi precisato di non lavorare solo a causa delle sue condizioni di salute dovute non all’età ma all’incidente. "Giancarlo Leone mi ha chiamato l’anno scorso per condurre Verdetto Finale. Ma io non ce la faccio. Posso parlare con te, reggere un quarto d’ora, 30 minuti – ha detto a Barbara D’Urso – Ma so già che, proprio per questo, dovrò stare a letto per quindici giorni con un mal di testa terribile".

Alda però è una donna forte, come molte donne famose non vuole sottostare alla malattia e abbattersi, così ha raccontato questo episodio: "L’ultima volta che sono caduta mi sono fatta male alla mano. Al medico che mi stava fasciando, ho chiesto di lasciarmi un dito, il medio, libero. Perché gli amici si contano sulle dita di una mano, per i nemici, invece, basta un dito".

Alda D’Eusanio: “Ho perso la memoria e soffro di crisi epi...