Invito a casa con savoir-faire

Qualunque sia l’occasione per la quale avete invitato gente a casa, le regole dell’ospitalità sono sempre le stesse: acquisterete o perderete punti dal momento stesso in cui aprirete la porta!
Immaginate un po’: i vostri invitati hanno appena passato un’ora imbottigliati nel traffico, girato tre fiorai per riuscire a trovare i fiori adatti, fatto a cazzotti con la cartina per trovare il vostro indirizzo, fatto dieci volte il giro dell’isolato per trovare parcheggio, salito sei piani di scale a piedi. Dovete per forza accoglierli calorosamente e col sorriso stampato in faccia!

Essere pronte: 

  • Avete fissato per le otto e mezza: siate pronte in tempo! Di sicuro i vostri amici avranno un po’ di ritardo (se li conoscete bene, e siete abituate alla loro non puntualità, potete mettere in conto quest’ulteriore ritardo sulla vostra tabella di marcia). Ma non è una scusa per aprire la porta con una maschera al cetriolo sul viso e i capelli ancora bagnati.
  • Fate lo sforzo di aspettarli sulla porta di casa (e non semplicemente urlare: "È apertooooooooooooo" dal fondo della cucina).
  • Non piantateli in salotto dicendo "Sedetevi, fate come a casa vostra", scomparendo poi per andare a pelare le patate. Se l’avessero saputo prima, se la sarebbero presa con più calma.


Avere una casa accogliente:

Sia che abitiate in un monolocale arredato solo con un divano letto o che possediate un loft dal design innovativo, sarà l’attenzione che porrete nei piccoli dettagli a rendere la vostra casa calda e confortevole per i vostri ospiti.

  • Qualunque sia la stagione, mantenete una giusta temperatura: se necessario, alzate al massimo il riscaldamento (tanto peggio per la bolletta del gas), perché non c’è nulla di peggio del freddo per ghiacciare l’atmosfera di una serata. Se il vostro impianto non è molto efficiente, offrite maglioni a coloro che vedete con le labbra violacee.
  • Se avete la fortuna di avere un camino, accendete un bel fuocherello per riscaldare l’atmosfera. Non c’è niente di più conviviale e rilassante per passare una piacevole serata.
  • In caso di caldo afoso, se non avete il climatizzatore, munitevi di un ventilatore o aprite le finestre per far circolare l’aria.
  • Fate attenzione a tenere la casa pulita e in ordine. Logico, nessuno verrà a verificare lo stato del vostro armadio o del ripostiglio (potete perciò ammucchiare lì tutto ciò che non ha un posto ben definito); in compenso, tutti vedranno lo strato di polvere alto due dita sulla libreria all’ingresso o le impronte del gatto sui cuscini del divano. A chiunque si bloccherebbe l’appetito alla vista della vostra cucina trasudante di olio o di una fila di formichine che si scambiano amorevolmente briciole di pane sul vostro pavimento.
  • Non lasciate i giochi del piccolo sparsi sul tappeto, mettete a posto il cesto dei panni da stirare, nascondete le pantofole sformate del vostro Lui. Tutte cose delle quali non vi accorgete neanche più, talmente è forte l’abitudine di lasciarle in giro per il salotto!
  • Se avete ospiti che fumano, munitevi di posacenere, accendini e candele profumate. Se non volete che si fumi in casa, proponete la terrazza, il balcone o il giardino e offrite qualcosa da indossare a coloro che escono per accendersi una sigaretta.
  • Assicuratevi che il bagno sia immacolato e rifornito di carta igienica, saponetta e asciugamani puliti. Potete spingervi fino al massimo della raffinatezza disponendo dei campioncini di profumo, una crema per le mani, un pettine (pulito!) tutt’intorno al lavandino.
  • Un mazzo di fiori freschi è sempre simbolo dell’attenzione che poniamo non solo nei confronti degli ospiti, ma anche degli abitanti della casa.

Tratto da: Olivia Toia, "Le nuove regole del galateo", Morellini Editore

Fonte:

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Invito a casa con savoir-faire