48 stati in 48 giorni per 48 bici: l’impresa della Gianotti per le donne dell’Uganda

La nuova avventura della ciclista Paola Gianotti: attraversare i 48 stati attigui agli Stati Uniti per donare 48 bici

Occhi verdi, corporatura esile e una grande determinazione, Paola Gianotti 34 da Ivrea – dopo il giro del mondo in bici nel 2014 e una laurea in economia – si lancia in una nuova sfida: pedalare per una campagna di solidarietà per le donne dell’Uganda.

48 è il numero ricorrente di questa avventura: “48 stati, 48 giorni, 48 bici”.
Paola Gianotti –  la donna più veloce del mondo – attraverserà i 48 stati attigui degli Stati Uniti d’America in 48 giorni con l’obiettivo di raccogliere fondi e donare almeno 48 biciclette a 48 donne di  un villaggio vicino a Kampala in Uganda.
L’impresa in bici benefica è partita dallo stato di Washington, attraversa oltre 12 mila chilometri, con 75mila metri di dislivello, dalla montagna al deserto, con ogni tipo di condizione climatica e 7 fusi orari diversi. Arrivo previsto il 31 maggio.
Le 48 Tappe del viaggio di Paola sono in vendita sul sito keepbrave.com, con donazioni variabili da 60 a 120 euro, ogni tappa corrisponde a una bicicletta da donare a una donna ugandese. L’iniziativa ha già superato il traguardo: “Siamo già a più di 50 bici, e così potremo cambiare la vita ad ancora più donne” esulta La Gianotti.

La bici in Uganda può salvare delle vite, permette di accedere ai mercati locali, aiutare le persone a raggiungere i villaggi vicini, serve per andare a lavorare, per trovare il cibo e può essere usata per andare a scuola o trasportare acqua fresca.

Paola sostiene anche la campagna per la candidatura della bicicletta al Nobel per la pace – lanciata dal programma Cartepillar di Rai Radio2 – la bicicletta come mezzo di pace, democrazia, libertà e sviluppo.

48 stati in 48 giorni per 48 bici: l’impresa della Gianotti per ...