Velvet D’Amour, la modella di 136 chili che rifiuta gli stereotipi

Tra Pedro Almodovar e quelle donne nevrotiche, sfaccettate, intense e il divertimento irriverente di Jean-Paul Gaultier, in uno spazio di significati più che di significanti, ritroveremo Velvet D’Amour. Una narratrice egocentrica dalle misure abbondanti che un tempo, schiacciata da aspirazioni giovanili inarrivabili, si propose come modella con i suoi 53 chili di peso. E venne scartata, poiché la magrezza non era un fattore, ma il valore imprescindibile sulle passerelle.

Il rifiuto, la delusione e la scoperta del’arte, l’hanno salvata dall’omologazione consegnandola al cibo e al desiderio di vivere e di interpretare sentimenti nuovi. Oggi la sua esistenza da modella curvy è intensa e straordinaria più di qualunque altra indossatrice da pochi chilogrammi di peso.

Anche se definire Velvet una modella è riduttivo: la sua vicenda umana e professionale è più assimilabile a una sceneggiatura ben riuscita, di un film dai risvolti emotivi forti. Come per il miglior Almodovar, dopo essere stata rifiutata, Velvet non demorde e inizia a ritrarre donne infelici, modelle scarnificate da diete. Ne assorbe la sofferenza, ne assorbe la bellezza trasformando il suo corpo.

Rimanendo nell’ambiente come fotografa, le giunge la notizia dell’apertura della prima agenzia di modelle oversize a Parigi: intraprende unn percorso nuovo con l’Agence Plus che la sceglie come indossatrice. A 38 anni e con addosso 136 kg si toglie lo sfizio, il capriccio di fare la modella e di esibirsi per Jean-Paul Gaultier alla presentazione Everybody is beautiful di John Galliano per poi apparire su Vogue Francia in uno scatto di Nick Knight e in commedie e reality francesi.

E’ un esempio negativo? Può darsi, al pari di donne anoressiche vestite di una falsa bellezza e private dell’attenzione e dell’amore nei riguardi del proprio corpo.

Lascia un commento

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Velvet D’Amour, la modella di 136 chili che rifiuta gli stereoti...