Haute Couture parigina: quando la moda è arte. Da Armani a Dior

Dior, Chanel, Armani... le passerelle dell'Haute Couture sono dei veri e propri spettacoli, in cui la moda diventa arte

Angela Inferrera

Angela Inferrera Fashion blogger

La moda, a livelli come quelli dell’Haute Couture, può senza dubbio essere chiamata arte. La perfezione e i dettagli preziosi di certi capi, le scenografie che vengono messe in piedi per la creazione delle sfilate, il genio e l’ingegno di tutti quelli che ci lavorano, non solo i couturier, ma anche la più piccola delle sartine e l’ultimo tecnico delle luci… creano davvero opere d’arte indimenticabili.

Haute Couture parigina, quando la moda è arte: il circo di Dior

Dior ha messo in scena per la sua passerella Haute Couture un vero e proprio circo all’interno del Musée Rodin, con tanto di acrobati tra i quali sfilavano le modelle. I look erano contraddistinti da cuffiette che ricordavano quelle di un luccicante Pierrot e i capi portavano con sè l’allegria e insieme quella velata malinconia propria del circo.

Parigi Haute Couture 2019

Un look della sfilata Christian Dior Haute Couture 2019 – Fonte Getty Images

Haute Couture parigina, quando la moda è arte: il giardino all’italiana di Chanel

La sfilata di Chanel è stata aperta da Kaia Gerber, testimonial di Chanel e figlia della super top Cindy Crawford, in un abito decorato con camelie rosa applicate (il fiore di Mademoiselle Chanel) e sbuffi di piume grigie. La cornice del Grand Palais, come sempre, si è trasformata in un giardino all’italiana, con tanto di siepi e piscine. I look delle modelle ricordavano vagamente quelli di contemporanee Marie Antoniette, eleganti e raffinatissime, in un tripudio di bianco, nero e rosa pastello. Uscita scenografica: Vittoria Ceretti, supermodella italiana, con costume da bagno luccicante e velo da sposa. 

Parigi Haute Couture 2019

Kaia Gerber in un look della sfilata Chanel Haute Couture 2019 – Fonte Getty Images

Haute Couture parigina, quando la moda è arte: le atmosfere Art Déco di Armani Privé

Giorgio Armani non delude mai. La sua passerella, contraddistinta dai colori forti come il bluette e il rosso lacca, strizza l’occhio alla Cina, con cappellini sulle ventitrè che ricordano quelli dell’estremo oriente. Questa ispirazione si mixa a quella dell’Art Déco, con frange e linee essenziali che prendono vita sulle modelle in uno stile unico e immediatamente riconoscibile: quello di Re Giorgio.

Parigi Haute Couture 2019

Un look della sfilata Armani Privé 2019 – fonte Getty Images

Angela Inferrera

Angela Inferrera Fashion blogger Angela Inferrera, classe 1982, di concosalometto.com si definisce #laltrafashionblogger. Cresciuta con la moda in famiglia, ha alle spalle un passato da PR e poi da style consultant. Nel suo blog da consigli di stile facili e chic… alla portata di tutti!

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Haute Couture parigina: quando la moda è arte. Da Armani a Dior