Sangallo: come indossare il tessuto più estivo che c’è

3 consigli su come indossare il sangallo, uno dei tessuti estivi più freschi ed eleganti

Angela Inferrera

Angela Inferrera Fashion blogger

Fresco, semplice e chic: il sangallo è il tessuto ideale da indossare d’estate, soprattutto di giorno, per rendere più elegante una mise da ufficio o più chic un paio di jeans. Vediamo insieme tre diversi modi per abbinare questa deliziosa stoffa traforata in modo da poterla portare in qualunque occasione.

1. L’abito in sangallo

Delicato, elegante e leggero, un abitino in sangallo sta sempre bene nel guardaroba. Abbinatelo ad un paio di sandali bassi, magari color cuoio e ad una maxi bag in paglia da indossare anche in città. Non esagerate con il trucco e lasciate sciolti i capelli: porterete un po’ di mare nella giungla urbana!

Fonte Pinterest

Fonte Pinterest

Fonte Pinterest

2. La camicia in sangallo

Il top in sangallo, con la sua freschezza, è un must estivo intramontabile. Se volete renderlo più cool abbinatelo ad un paio di jeans e magari scegliete un modello che lasci le spalle scoperte: sarete super trendy!

Fonte Pinterest

Fonte Pinterest

Fonte Pinterest

3. Il sangallo in spiaggia

Nella valigia per il mare, un capo in sangallo non può proprio mancare: lo stesso abitino che in città portavate con i sandali bassi oppure con la cintura in cuoio, può facilmente diventare un copricostume fresco ed elegante, perfetto per un aperitivo in spiaggia. Non dimenticatelo a casa!

Fonte Pinterest

Fonte Pinterest

Volete altri consigli di stile alla portata di tutte? Iscrivetevi al mio blog Con cosa lo metto? o seguitemi su Instagram @con.cosa.lo.metto, vi aspetto!

Angela Inferrera

Angela Inferrera Fashion blogger Angela Inferrera, classe 1982, di concosalometto.com si definisce #laltrafashionblogger. Cresciuta con la moda in famiglia, ha alle spalle un passato da PR e poi da style consultant. Nel suo blog da consigli di stile facili e chic… alla portata di tutti!

Sangallo: come indossare il tessuto più estivo che c’è