Alessandra Mussolini e la cover del telefono: simpatica o volgare?

!function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0],p=/^http:/.test(d.location)?’http’:’https’;if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src=p+’://platform.twitter.com/widgets.js’;fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document, ‘script’, ‘twitter-wjs’);

Alla conferenza stampa di Silvio Berlusconi Alessandra Mussolini si è presentata con una cover dell’iPhone decisamente provocatoria: "Keep calm un c….", recita. Spiritosa la Mussolini, che di recente è finita sotto i riflettori perché suo marito è stato coinvolto nello scandalo baby squillo.

La più bella naturalmente rimane la Boschi. Bella ed elegante. Sarà quell’aria glamour che caratterizza la ministro per le Riforme, Maria Elena Boschi, o quella bellezza così botticelliana di Marianna Madia che ha solleticato la fantasia di titolisti e notisti, ma lo studio dell’immagine delle donne della politica nostrana (e delle loro mogli) si è tradotto in parte integrante della strategia di comunicazione dei loro staff.

Nulla viene lasciato al caso: si studia il contesto, l’ambiente, le circostanze. Si scelgono stilisti e outfit ufficiali, per sé e consorti che si distaccano dalla tradizionale ortodossia a cui ci eravamo educati in materia di look. E non solo nell’era Renzi. Daniela Santanché e Mara Carfagna sul fronte della destra rappresentano due modelli di stile e diversa eleganza sul fronte opposto.

Forse la sola Vittoria, consorte dell’ex presidente della Repubblica, Giovanni Leone, aveva stimolato la fantasia dei cronisti dell’epoca per la sua indubbia avvenenza e la ricercatezza dello stile.

Prendiamo questo serata in cui, come non mai, politica e spettacolo si sono incontrati. L’occasione è stata la prima della pellicola dedicata all’indiemnticabile Enrico Berlinguer, per la regia di Walter Veltroni mentore proprio della Madia presente all’evento.

Oltre alle ministre, la sfilata di consorti degli esonenti di partito e politici di primo piano ha mostrato una Roma mondana, ma più sobria, meno incline alle esagerazioni anche in materia di guardaroba e la ricomparsa di mogli più osservate in passato. Una di queste, ad esempio, è Elisabetta Tulliani. La compagna di Gianfranco Fini ha adottato un look meno appariscente rispetto al passato, dettata da esigenze diverse rispetto al suo passato sotto i riflettori.

Altre esponenti di riflesso di Palazzo, invece, rimangono fedelissime al loro gusto come Franca, la moglie di Fausto Bertinotti che alla faccia di mode e tendenze, continua a mantenere inalterate le sue scelte in materia di abbigliamento. Di decennio in decennio.

Che ne pensi? Qual è la tua opinione? Segui DiLei anche su Facebook e Twitter!

Alessandra Mussolini e la cover del telefono: simpatica o volgare...