Letizia di Spagna ricicla l’abito rosa polvere. Tutti i look a confronto

Letizia Ortiz meriterebbe – per parafrasare Virginia Woolf – una stanza tutta per sé, fosse per noi. Per quel suo stile così elegante, personale, così distante dagli stereotipi in cui relegare regine e principesse moderne. Sovrana di Spagna dal 19 giugno scorso, la monarchia spagnola affida a lei, giornalista e divorziata, e al sovrano Felipe VI l’arduo compito di riabilitare l’immagine della famiglia reale, così compromessa da inchieste giudiziarie e scelte controverse.

Con il consorte, Letizia si divide tra impegni ufficiali (a cui pareva allergica solo pochi mesi fa) funzionali a presenziare eventi e incontri nonché feste legate a tradizione. Quanto di più svariato, ma necessario per un Paese soffocato dalla disoccupazione e, come dicevamo, con un netto calo in termini di fiducia nell’istituzione monarchica.

In questi 30 giorni ha elaborato, dopo le raccomandazioni alle due figliolette e i sorrisi ai fotografi, le uscite tra la folla festante e le visite nei luoghi del potere – vedi capitolo visita parigina – il ruolo nuovo in maniera esemplare senza sbagliare se non un abito, forse. E non certo quello sfoggiato a Santiago de Campostela.

Ha ribadito la sua predilezione per lo stilista spagnolo Felipe Varela, che l’ha veste predilegendo colori tenui, tessuti impalpabili e sobri che la confermano un modello di sobrietà, delicatezza che a quanto pare stando agli spagnoli, non disdegna di riproporre. Scelta già fatta da Kate Middleton e che pare non sia affatto sgradita agli iberici. 

 

 

Letizia di Spagna ricicla l’abito rosa polvere. Tutti i look a&n...