I jeans non amano l’acqua. Parola di Levi’s

Perchè è meglio non lavare i jeans? Perchè i jeans non amano l'acqua, lo dichiara con fermezza Chip Bergh amministratore delegato di Levi's

Chip Bergh, CEO e presidente del marchio Levi’s, rilascia nel 2014 un’intervista al Fortune, il giornale di business della Time Inc’s Fortune Money Group.
L’aministratore delegato durante l’intervista fa una dichiarazione piuttosto stravagante, nella quale afferma che se i jeans sono di buona qualità non devono essere mai lavati con acqua.

Nel rivelare questo inquietante retroscena sul suo bucato, Bergh ammette che i suoi jeans, non sono mai stati sottoposti a lavaggi a mano, tantomeno in lavatrice, per evitare danni irreversibili al tessuto.
Alla richiesta del giornalista del Fortune sul come smacchiare o evitare inevitabili cattivi odori, Bergh risponde fornendo due curiose indicazioni: per smacchiare i jeans è sufficiente uno spazzolino da denti, mentre per togliere i cattivi odori, invita tutti a infilare i jeans in una borsa di plastica e a metterli in freezer.

Chissà se la pensavano così Levi Strauss e Jacob Davis, promotori nel 1853 della Levi Strauss & Co. l’azienda fondata per realizzare abbigliamento da lavoro, divenuta in seguito sinonimo di blue jeans. Di sicuro quando brevettarono il capo di abbigliamento più resistente, capace di reggere a condizioni di usura estreme, pensarono di aver trovato la tela più congeniale. Una tela spessa realizzata in cotone e altre fibre vegetali che ancora oggi grazie alla tintura del filo di ordito con l’indigo, ci regala quella caratteristica colorazione blu indaco.

Ma a confermare la tesi di Chip Bergh c’è la ricerca condotta da una studentessa canadese insieme alla sua docente di scienza tessile. La ragazza ha indossato un paio di jeans senza mai lavarli, per cinque giorni su sette, per una durata di quindici mesi, risultato: i germi trovati sui pantaloni si sono rivelati innoqui e nella stessa quantità di quelli trovati dopo 15 giorni in assenza di lavaggio, smentendo l’ipotesi che batteri e germi possono diventare un pericolo per la pelle.

Dalle foto pubblicate dalla studentessa inoltre si nota come l’usura ha donato al jeans un risultato molto particolare, differente da quello tipico da lavaggio con acqua, simile piuttosto all’effetto che ha un capo in pelle quando viene molto utilizzato.
Allora se siete amanti del denim indigo, non lavate in acqua i vostri jeans e non abbiate paura di beccarvi allergie o malattie della pelle, il vero jeans se è di buona qualità sembra essere immune da “sporco cattivo” e oltre ad assumere un aspetto del tutto personalizzato, nel tempo dura di più.

Immagini: Depositphotos

I jeans non amano l’acqua. Parola di Levi’s