Giacca e camicia: la rivincita dei sarti

L’azienda lombarda di Triuggio che  da tre generazioni produce il marchio Canali ringrazia ancora quel colpo di vento che ha svelato l’etichetta della giacca di Obama alle telecamere di tutto il mondo. E per festeggiare l’evento sfila per la prima volta a Milano durante la Settimana della Moda.

Ma non sono gli unici sarti a brindare quest’anno: mai come in questo momento si assiste a una riscoperta del dettaglio e dello stile tailor made.

Anche Prada sta lanciando, in occasione di Milano Moda Uomo, il servizio di camiceria su misura.  Tempo di realizzazione? Quattro settimane. Il cliente può scegliere tra tre modelli: classico, aderente e stretto con le pince, oltre ad avere a disposizione varie scelte per colli e polsini, diversi optional come le cifre del proprietario e un milione di varianti sulla scelta del tessuto.

L’eleganza  del resto si concentra nella camicia, come amava sentenziare il celebre dandy Oscar Wilde,  e su questo indumento, in quanto caposaldo del guardaroba maschile, si deve concentrare l’attenzione di ogni uomo che tenga a uno stile impeccabile. All’occhio esperto altrui basterà un semplice sguardo per giudicare la classe di chi la indossa: dunque, specialmente in vista di occasioni importanti, sono sempre più gli uomini che preferiscono affidarsi alle forbici di un sarto esperto.

A partire dai vip: da Gianni Agnelli a Lapo Elkann, da John Kennedy a Barack Obama, da Paul McCartney a David Beckham, ogni uomo in vista ha il proprio sarto prediletto, che sia già affermato (per i più tradizionalisti Angelo Inglese che oggi propone la linea Vintage de Luxe), oppure un giovane rampante a cui dare fiducia (vedi Alessandro Martorana e il suo sodalizio con il giovane Elkann).

A ogni vip il proprio sarto: guarda la gallery

Giacca e camicia: la rivincita dei sarti