Matrimonio, le nuove regole per le feste di nozze

Fondamentale è il rispetto della distanza di un metro tra non conviventi e, fatta eccezione per la Puglia, il ricorso alla mascherina quando ci si alza dal tavolo

È stata ripristinata nelle varie Regioni d’Italia la possibilità di celebrare ricevimenti di nozze. In quasi tutto il Paese, è consentita, una volta terminata la cerimonia, l’organizzazione di una festa praticamente normale per vivere con amici e parenti il proprio giorno più bello. Ovviamente esistono diverse linee guida da seguire per divertirsi rispettando le regole del Dpcm finalizzate a minimizzare il rischio di contagio da SARS-CoV-2.

Fondamentale è per esempio studiare la disposizione dei tavoli in modo da garantire il metro di distanza tra gli invitati, fatta eccezione per i conviventi. Se possibile, è opportuno privilegiare i ricevimenti outdoor (p.e. presso giardini o terrazzi). Cosa dire, invece, delle regole relative alla gestione del cibo? Innanzitutto che, nell’eventualità di un buffet, è vietato toccare il cibo con le mani. Ricordiamo in ogni caso che è possibile ricorrere al self service con la conditio sine qua non della presenza di prodotti caratterizzati da confezioni monodose.

Tornando un attimo al distanziamento, facciamo presente che deve essere rispettato anche in occasione di eventuali file per prendere il cibo o per essere serviti. Come comportarsi nei frangenti in cui il ricevimento viene organizzato in uno spazio chiuso? In questi casi, gli ospiti che si alzano dal proprio tavolo, a prescindere dal motivo, devono indossare la mascherina.

Quando si parla delle regole per celebrare i ricevimenti di nozze, è opportuno soffermarsi sul caso della Puglia. L’ordinanza firmata dal Presidente Michele Emiliano, che ha dato il via libera ai matrimoni a partire da lunedì 15 giugno, vieta le feste di nozze con buffet. Nessun problema, invece, per i piatti con gli affettati e altri alimenti condivisi serviti direttamente al tavolo, a patto che siano confezionati in monoporzioni.

Il ricorso a queste ultime vale anche per quanto riguarda le salse, il pane e i grissini. Per servirli ai commensali, bisognerà utilizzare delle pinze. Degne di nota sono anche le differenze per quanto riguarda l’uso della mascherina: sia gli sposi sia gli invitati non saranno infatti obbligati a indossarla quando si allontanano dal tavolo. Fondamentale è però il rispetto della distanza di un metro fra persone che non sono tra loro conviventi.

Per quanto riguarda invece il lavoro dei fotografi, ricordiamo che, sulla base dell’ordinanza della Regione Puglia, hanno l’obbligo di scattare con indosso la mascherina. Concludiamo con un cenno ai momenti danzanti: in occasione di questi ultimi, sulla pista bisognerà tenere conto di un indice di affollamento di due metri quadrati a persona.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Matrimonio, le nuove regole per le feste di nozze