Visite ed esami durante la gravidanza

Nella maggior parte dei casi, la gravidanza è un evento fisiologico che si svolge in modo del tutto naturale, senza richiedere l’intervento dei medici.

Visite ed esami vengono però raccomandati alla futura mamma per tenere sotto controllo l’evolversi della gravidanza e assicurarsi che tutto proceda per il meglio.

Le donne gravide hanno diritto ad eseguire gratuitamente alcune prestazioni specialistiche e diagnostiche utili per tutelare la salute sia della mamma che del bambino.

Vediamo nel dettaglio quali sono queste prestazioni:

PRIMO TRIMESTRE

All’inizio della gravidanza, possibilmente entro la 13ª settimana, e comunque al primo controllo:
– EMOCROMO: rivela presenza di anemia, carenza di piastrine ecc.;
– GRUPPO SANGUIGNO AB0 e Rh (D);
– AST, ALT, CREATININEMIA, GLICEMIA: sono indici funzionali del fegato, del rene e del metabolismo degli zuccheri.
– VIRUS ROSOLIA ANTICORPI
– TOXOPLASMA ANTICORPI
– TREPONEMA PALLIDUM ANTICORPI
– TREPONEMA PALLIDUM ANTICORPI ANTI CARDIOLIPINA
– VIRUS IMMUNODEF. ACQUISITA [HIV 1-2] ANTICORPI
– GLUCOSIO
– ESAME URINE: rivela la presenza di eventuali alterazioni renali, di infezione delle vie urinarie e di diabete.
– ANTICORPI ANTI ERITROCITI [Test di Coombs indiretto]: il test di Coombs indica l’eventuale presenza di "anticorpi anti emazie" che potrebbero essere responsabili di emolisi (rottura dei globuli rossi) nel feto.
– ECOGRAFIA OSTETRICA: la prima ecografia ha lo scopo di confermare la gravidanza, vedere se l’embrione è regolarmente nella cavità uterina o all’esterno, individuare un’eventuale gravidanza gemellare, verificare la presenza di eventuali patologie e datare la gravidanza.

SECONDO TRIMESTRE

Tra la 14ª e la 18ª settimana:
ESAME URINE
 
Tra la 19ª e la 23ª settimana:
– ESAME URINE
– ECOGRAFIA OSTETRICA: la seconda ecografia permette una valutazione dell’accrescimento fetale, dello stato della placenta, della quantità di liquido amniotico ed inoltre permette la rilevazione di eventuali malformazioni fetali.

TERZO TRIMESTRE

Tra la 24ª e la 27ª settimana:
– GLUCOSIO
– ESAME URINE: rivela la presenza di eventuali alterazioni renali, di infezione delle vie urinarie e di diabete. Può suggerire la presenza di una gestosi (presenza di proteinuria).

Tra la 28ª e la 32ª settimana:
– EMOCROMO:
– FERRITINA [P/(Sg)Er]: in caso di riduzione del volume globulare medio
– ESAME URINE
– ECOGRAFIA OSTETRICA: la terza ecografia ha la funzione di rilevare l’accrescimento fetale, valutare la presenza di eventuali anomalie fetali, valutare la posizione e lo stato della placenta, la quantità del liquido amniotico e la posizione del feto, che può essere cefalica (il feto è posizionato regolarmente ovvero con la testa verso il basso) o podalica (il feto si avvicina alla pelvi col podice -natiche e/o gambe-).

Fra la 33ª e la 37ª settimana:
– VIRUS EPATITE B [HBV] ANTIGENE HBsAg
– VIRUS EPATITE C [HCV] ANTICORPI
– EMOCROMO
– ESAME URINE
– VIRUS IMMUNODEF. ACQUISITA [HIV 1-2] ANTICORPI in caso di rischio Anamnestico

Tra la 38ª e la 40ª settimana:
– ESAME URINE

Dalla 41ª settimana:
– ECOGRAFIA OSTETRICA: su specifica richiesta dello specialista
– CARDIOTOCOGRAFIA: su specifica richiesta dello specialista; se necessario, monitorare fino al parto

Fonte: Ministero della Salute

Fonte:

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Visite ed esami durante la gravidanza