Se tratti i tuoi figli come principi non sapranno mai badare a se stessi

Gli adulti inconsapevoli di oggi sono i bambini viziati di ieri: per questo è importante partire da una buona educazione

I figli sono tutto per i genitori, ma ci sono cose in cui non bisogna esagerare: una di queste è l’accondiscendenza.

Tutti conoscono il classico cliché del bambino viziato. È il pargoletto abbastanza antipatico che crede di essere superiore agli altri perché sono i genitori a farglielo credere. Ottiene sempre ciò che desidera e non deve guadagnarselo. Ma questo non è colpa del bambino ovviamente, ma della madre e del padre. A volte i genitori, magari per senso di colpa o di inadeguatezza, tendono a trattare i loro figli come se fossero dei piccoli principi scesi dal cielo e a credere che siano i più bravi e intelligenti di tutti. E li trattano come fossero dei novelli Einstein, non come soggetti che stanno formando la propria personalità. Per loro ogni cosa che fa il piccolo è giusta. E se commette qualche errore è colpa degli altri. Ecco, non c’è modo peggiore di crescere un bambino: perché questo, un domani, sarà un adulto inconsapevole.

E cosa fanno gli adulti inconsapevoli? Si comportano in modo non adeguato e non sanno stare in società. Non sanno prendere delle decisioni da soli perché sono sempre stati accuditi in tutto e per tutto. E pretenderanno che siano gli altri a fargli trovare la pappa pronta. Un eventuale partner scapperà a gambe levate una volta capito che dovrà votarsi a fare da crocerossina o crocerossino per tutta la vita. E l’adulto inconsapevole cosa farà secondo voi, un esame di coscienza per capire quali sono le sue colpe? Assolutamente no. Darà addosso al destino infausto e andrà a rifugiarsi dai propri genitori. Che dovranno mantenerlo e stargli appresso per tutta la vita, perché il figlio non sarà assolutamente in grado di gestirsi da solo.

Per questo è necessario che durante l’infanzia il bambino abbia dei precisi paletti. Alcuni comportamenti non devono essere tollerati e l’adulto non deve giustificarlo se sbaglia o si comporta male. Né deve porre rimedio ai suoi errori o peggio, coprirlo ed essere suo complice. Il piccolo deve prendersi le responsabilità dei suoi atti, perché solo così capirà cosa è giusto e cosa sbagliato. Potrà sembrarvi difficile ma è l’unico modo per fare il suo bene.

Se tratti i tuoi figli come principi non sapranno mai badare a se ...