Se il vostro bimbo non fa il sonnellino – Seconda parte

Meglio abituarlo ad addormentarsi da solo
E’ bene porre il bambino nel suo lettino quando tende ad appisolarsi, anche se è parzialmente sveglio.
Il bambino deve avere come ricordo prima di addormentarsi il suo lettino, non il biberon o il seno materno; deve cioè imparare ad addormentarsi da solo. Questi cambiamenti potranno dar luogo a pianto: se piange andate nella sua stanza ogni 15 minuti, ma non sollevatelo e non dategli da mangiare. Piuttosto coccolatelo, lasciandolo disteso e fermatevi per poco tempo, circa un minuto, vicino a lui. Abituate il piccolo ad addormentarsi da solo, sia alla sera, sia nei pisolini durante il giorno.

Aiutare il bambino a rilassarsi
Ogni bambino ha una sua tattica per addormentarsi: chi vuole il ciuccio, chi vuole il seno della mamma, chi vuole stare in braccio e chi vuole essere cullato.
Ciò che più conta è imparare a conoscere i segnali di stanchezza del bambino e non esitare ad assecondarlo nella sua voglia di riposare.
Generalmente è utile la presenza di mamma o papà che con la loro voce o presenza possono aiutarlo a rilassarsi per farlo abbandonare al sonno.
Alcuni bambini si addormentano in macchina aiutati dal movimento e dal rumore ma il sonno che ne deriva non è ristoratore perchè non arriva alla fase REM.

Gli incubi
E’ raro che un bambino abbia incubi veri e propri prima dei 3 anni, anche se può succedere che si svegli diverse volte con un grido e gli occhi sbarrati. Qualche brutto sogno è del tutto normale, a condizione che non si verifichi con frequenza: se questo succede, molto probabilmente significa che durante il giorno il bambino cerca di controllare la sua ansia, e lascia che le emozioni si sfoghino quando dorme. In questi casi, il modo migliore di intervenire è cercare di scoprire la causa di questa tensione, ed eliminarla.

La compagnia dei giochi
Il bambino spesso vorrà portare con sè nel lettino un amico-gioco (per esempio un peluche, la sua macchinina preferita, una bambola, ecc). Non bisogna sottovalutare questa importantissima esigenza perchè nella fantasia del piccolo i giochi sono animati e vivono le sue stesse emozioni. Con l’amico fidato affianco, il bebè non si sentirà solo quando il sonno scenderà e tutto sarà silenzioso.

Fonte:

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Se il vostro bimbo non fa il sonnellino – Seconda parte