Rischio influenza nelle donne incinte: ecco perché vaccinarsi in gravidanza

Sebbene si tratti di casi molto rari, può accadere che con l'influenza in gravidanza siano a rischio sia la futura mamma che il nascituro, con conseguenze che possono risultare anche gravi

E’ lecito immaginare nella maggior parte dei casi, che l’influenza non sia altro che un malanno stagionale da curare con i soliti farmaci, e sia solo un fastidio da superare con qualche giorno di riposo.
In effetti molto spesso è così, ma è importante segnalare che ci sono particolari casi (eventi sporadici ma comunque possibili), nei quali da una semplice influenza possono generarsi altre patologie di più grave entità.
Questo capita nel caso in cui la persona ammalata abbia per qualche ragione una carenza di difese immunitarie, e uno dei motivi per cui questo può accadere è proprio quando si aspetta un figlio. Ragione per cui è importate vaccinarsi in gravidanza.

Infatti nelle donne incinte è fisiologico l’abbassamento di tali difese, e ciò alza il rischio di contrarre un’ influenza specialmente se si attraversa il periodo autunnale o invernale durante la gravidanza.
Cosa può provocare la febbre in una donna in stato interessante nel caso si complichi la malattia?
Per la madre i rischi sono soprattutto legati al sistema respiratorio, ovvero la febbre può dar luogo a polmoniti, inoltre rischia la disidratazione o anche altro genere di infezioni.
In alcuni casi, oltre all’eventuale ricovero in ospedale può essere richiesto un intervento intensivo per risolvere il problema.

Per il bambino invece si prospetta il rischio di un parto prematuro, con tutte le conseguenze che ne derivano: ritardo nella crescita, rischio di aborto o di morte in utero.
Solitamente queste situazioni si verificano di fronte a stati influenzali molto consistenti, ma non è escluso da parte dei medici esperti che si possa verificare anche nei casi in cui si pensi di trovarsi do fronte ad una semplice influenza stagionale, che non viene presa troppo sul serio. Sulla base di queste informazioni i medici consigliano alle donne incinte di sottoporsi al vaccino antinfluenzale.

Quando farlo? Negli Stati Uniti da molti anni somministrano il vaccino a qualsiasi mese di gravidanza senza fare distinzioni. In Italia invece, non essendoci dati certi sugli effetti del vaccino nel I° trimestre, viene indicato come periodo migliore il II° o il III° trimestre.
Nonostante tutto negli Stati Uniti non ci sono mai stati problemi, e continuano a fare vaccini anche nei primi tre mesi. In Italia comunque questo ancora non è possibile, e si preferisce rimanere sulla posizione comune.
Su una cosa sono tutti in accordo, ovvero sull’importaza di fare il vaccino durante la gravidanza, per evitare problemi futuri.

Immagini: Depositphotos

Rischio influenza nelle donne incinte: ecco perché vaccinarsi in ...