Pance piatte dopo la gravidanza: a volte è possibile

Dieta, ginnastica e cure costanti, predisposizione genetica o addominoplastica: tutti i modi per tornare in forma

Alzi la mano chi non è rimasta senza parole nel vedere Ilary Blasi – in attesa ormai del terzo figlio – in bikini a qualche settimana dalla nascita di Chanel, la secondogenita di casa Totti: c’era da non crederci. Dopo pochissimo, la show girl era tornata a co-condurre Le Iene in forma smagliante, con lo stesso vitino da vespa di una ventenne che non ha mai avuto un figlio. E pensare che ne ha in programma altri quattro (il campione della Roma le ha fatto lo sconto per il quinto). Merito semplicemente dell’età, della dieta e magari di creme rassodanti e che promettono di assorbire i liquidi in eccesso? Possibile, ma anche improbabile, data la rapidità dei risultati (eccezionali), che la maggior parte delle donne vede come un miraggio. Miracoli che peraltro hanno graziato tante altre vip, da Michelle Pfeiffer a Claudia Schiffer e Cindy Crawford, Catherina Zeta-Jones, Gwen Estefan, Eva Herzigova (fotografata per una pubblicità di jeans a tre settimane dal parto), le italiane Federica Panicucci, Martina Colombari, Nina Moric e Lorella Cuccarini, incredibilmente in forma dopo ben quattro figli.

Se quest’ultima ammette – insieme con la Colombari e la Crawford – di essersi sottoposta a una dieta ferrea, dopo ciascun parto, e di aver fatto un massacrante esercizio fisico, le altre glissano. Tutto merito del programma dietetico del dietista-guru giapponese Nish Joshi, dice Gwyneth Paltrow, che ha privilegiato carni bianche, pesce, verdura e frutta, dicendo no patate, peperoni e banane, cereali, carne rossa, zucchero, pane, pasta e latticini. Sugli altri barbatrucchi, vige la più assoluta omertà, tranne qualche eccezione. Nancy Brilli per esempio ha ammesso di aver conosciuto l’attuale compagno, il chirurgo plastico Roy De Vita, in occasione di un intervento fatto per eliminare l’antiestetica pancetta post cesareo. E tra le attrici, solo Liv Tyler ha dichiarato di considerare l’ipotesi del ricorso al bisturi per tornare in piena forma. Tempo fa, la direttrice del magazine britannico Mother & Baby, Elena Dalrymple, ha denunciato il fatto che almeno otto mamme vip su dieci si rivolgono di default al chirurgo per sbarazzarsi dei chili accumulati. In parallelo, lo stesso magazine pubblicava un sondaggio secondo il quale l’82% delle donne inglesi fossero ossessionate dal paragonefra la loro forma post parto e quella delle attrici più famose.

Ma gli esperti cosa dicono, in merito? Intanto, non esistono (ma questo lo sospettavamo) creme miracolose per tutte: gli effetti di un trattamento Nish Joshivariano a seconda della risposta individuale, che dipende da diversi fattori: l’età, lo stato di salute, la costituzione e la predisposizione genetica. La pancia piatta dipende molto dalla tonicità ed elasticità – quindi dall’idratazione della pelle – dei tessuti. Qualche consiglio? Intanto, meglio lavarsi con acqua fredda piuttosto che calda, indossare preferibilmente pantaloni larghi per evitare che si atrofizzino i muscoli addominali, evitare il sole, fare sport e idratare, massaggiare e asportare le cellule morte.
Studi clinici hanno dimostrato che c’è un gene responsabile della tonicità dei tessuti, importante nella creazione delle fibre elastiche ma anche nella riparazione dei tessuti soggetti a frequenti cicli di espansione-restringimento. Come l’addome delle donne, appunto. Se proprio non si riesce a convivere con quel po’ di pancetta che hanno lasciato in eredità i figli e né l’esercizio fisico, né i trattamenti o la dieta hanno dato risultati sul grasso sottocutaneo e la pelle in eccesso, non resta che l’addominoplastica. Primo avvertimento: rimane una cicatrice, per quanto bassa, ad altezza slip. A volte può bastare una mini-addominoplastica, che coincide con una liposuzione, in sostanza. Se la gravidanza invece ha dilatato eccessivamente la cute e la muscolatura, si procede con un intervento che, dicono i medici, non preclude un’ulteriore gravidanza (al limite ne cancella gli effetti). Ma la cura migliore, la più efficace, è probabilmente un bel chissenefrega, una buona dose di buonumore e il godersi la gioia della maternità. Pancetta compresa.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pance piatte dopo la gravidanza: a volte è possibile