Madre combatte gli stereotipi di genere maschio femmina

Una campagna social aiuta i piccoli maschietti a superare le distinzioni di genere e ad affermare la loro mascolinità

Una nuova campagna social sostiene i maschietti nell’affermare la loro “mascolinità” al di là di ogni stereotipo. In poche parole, afferma Martine Zoer – la mamma che ha ideato la campagna #StillABoy – anche se un maschietto gioca con le bambole o indossa indumenti rosa, non deve sentirsi per questo meno “maschio”.

Martine produce vestiti per bambini, fra cui magliette rosa anche per i maschietti, e ha ideato questa campagna, con il relativo account Instagram, dopo essersi sentita accusare del fatto che i suoi prodotti stanno “rubando il genere ai ragazzi”. Ha raccontato Martine all’Huffington Post:

Ho cominciato a usare l’hashtag #StillABoy come a dire ‘Hey… un ragazzo che indossa il rosa è comunque un ragazzo, proprio come una ragazza che indossa il blu è comunque una ragazza

Quando ha visto che altri genitori taggavano i post dei loro figli con l’hashtag #StillABoy, ha deciso di creare un account Instagram per condividere queste foto.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Madre combatte gli stereotipi di genere maschio femmina