La scuola ai tempi del Coronavirus: digitale e carta

Come gestire tutti gli strumenti a disposizione per rendere efficace la didattica a distanza tra digitale e carta

Redooc.com

Redooc.com Piattaforma di didattica digitale

La scuola ai tempi del Coronavirus: digitale e carta per gestire in modo efficace la didattica a distanza. 

Didattica a distanza, ma per tutti

Con le scuole chiuse per l’emergenza Coronavirus, la didattica a distanza non è una scelta, ma l’unica possibilità per assicurare il diritto all’istruzione e salvare l’anno scolastico in corso. Il ruolo del digitale in questo senso è fondamentale e infatti il Ministero dell’Istruzione si sta adoperando per garantire a tutti l’accesso alla rete, per evitare discriminazioni sociali.

Ma la scuola ai tempi del Coronavirus non può essere solo “virtuale”, soprattutto per i più piccoli e per chi ha bisogno di mettere i concetti appresi nero su bianco su un foglio di carta, magari con una bella mappa mentale!

Gli insegnanti, quindi, si trovano a dover far fronte a esigenze diversificate in una situazione in cui l’interazione con gli alunni e le loro famiglie è ancora più complicata del solito. 

Ma quali sono le armi a disposizione dei docenti per trasformare questo momento difficile in un’opportunità di rinnovamento per la scuola e la didattica tradizionale, spesso poco attenta ai bisogni educativi di ragazzi e ragazze con DSA?

Videolezioni e piattaforme di collaborazione

La videolezione è l’unico mezzo per cercare di mantenere vivo all’interno della classe il senso di comunità in questa fase di isolamento forzato. La didattica a distanza non può infatti limitarsi all’assegnazione di compiti e di pagine da studiare in autonomia. Il contatto con l’insegnante e fra i compagni deve essere mantenuto il più possibile costante e a questo servono applicazioni come Zoom, Skype e Hangouts Meet. Quest’ultimo fa parte di Google Suite for Education che molte scuole utilizzano utilizzano anche per la condivisione di materiali, attraverso Drive, e per la gestione delle classi virtuali con Classroom.

Contenuti digitali e non solo

Ci sono anche piattaforme di contenuti, che mettono a disposizione degli insegnanti materiali utili da proporre ai loro studenti. Ne è un esempio Redooc.com, che offre ai docenti e agli studenti migliaia di lezioni ed esercizi interattivi di matematica, italiano, fisica, educazione finanziaria dalla scuola Primaria fino alla Maturità. Con un’attenzione particolare a tutti gli stili di apprendimento: si va dagli strumenti interattivi per le quattro operazioni progettati in collaborazione con il professor Giacomo Stella, fondatore dei Centri SOS Dislessia, alla possibilità di impostare un font ad alta leggibilità per leggere tutti i testi della piattaforma, alle numerose mappe mentali, utili per memorizzare le informazioni principali e strumento compensativo prezioso per studenti con DSA. E ci sono anche tante schede da scaricare e stampare perché la carta è insostituibile e allenare la manualità con giochi da colorare e tagliare è fondamentale per gli alunni delle prime classi della Primaria.

La scuola è posta quindi di fronte a problemi e interrogativi nuovi e di non semplice soluzione, ma può e deve cercare di fare tesoro di questa chiusura forzata per rinnovarsi. Come? Senza necessariamente replicare a distanza le forme della didattica tradizionale ossessionata da interrogazioni, programmi e valutazioni, ma cercando nuove modalità per assolvere alla sua missione educativa nei confronti di tutti, nessuno escluso!

Redooc.com

Redooc.com Piattaforma di didattica digitale Redooc.com è una piattaforma di didattica digitale dalla Primaria alle Superiori, ricca di video lezioni, esercizi interattivi e materiale scaricabile, che ripensa il modo di insegnare e apprendere le competenze di base “leggere, scrivere e far di conto”, perché ognuno possa imparare con i propri modi e tempi: “Siamo tutti Bisogni Educativi Speciali”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La scuola ai tempi del Coronavirus: digitale e carta