La pelle dei neonati – Seconda parte

Pulizia della pelle

Nei primi giorni di vita, la pulizia del neonato si potrà eseguire mediante spugnature d’acqua tiepida da passare sulle varie parti del corpo ad esclusione della zona del cordone ombelicale.
Dopo la caduta del cordone (in genere, entro i primi 15 giorni di vita) si potrà passare al bagnetto che non necessiterà, a livello di igiene, di avere una cadenza quotidiana.

Fino al terzo mese, volendo utilizzare un prodotto naturale, si può scegliere di aggiungere al bagnetto un cucchiaio di amido di riso o le apposite polveri a base di avena colloidale, amido o grano (per ammorbidire la pelle), oppure utilizzare detergenti non aggressivi specifici per la prima infanzia.

Dopo il terzo mese, si possono iniziare a utilizzare gli oli da bagno, che svolgono sulla pelle del lattante un’azione ammorbidente e nutritiva, e che perciò risultano particolarmente indicati per le pelli secche, disidratate o con tendenza a screpolarsi; sono inoltre l’ideale per la pulizia del cuoio capelluto in presenza di crosta lattea.

Molto usati sono i latti detergenti, che possono essere adoperati in alternativa al sapone, soprattutto nelle prime settimane di vita, anche nelle zone genitali, grazie alla loro azione emolliente ed idratante, che, senza alterare lo strato idrolipidico, permette di detergere la pelle lasciandola morbida ed elastica. Sia i latti che gli oli detergenti sono inoltre molto utili quando l’acqua non è disponibile.

Anche dopo l’anno di vita, vanno evitati i saponi profumati, l’acqua di colonia contenente alcol e tutti i prodotti non specificatamente studiati per la prima infanzia.

Il bagno dovrebbe essere fatto con una temperatura dell’acqua a 37 gradi centigradi, 2/3 volte alla settimana e non dovrebbe durare più di 10-15 minuti, perchè la permanenza in acqua oltre un certo tempo può provocare la macerazione della pelle.

Dopo il bagnetto, è bene utilizzare un asciugamano morbido per asciugare il neonato prestando attenzione a non sfregare troppo la pelle ma garantendo l’asciugatura anche di tutte le pieghe del suo corpo.

Importante è anche l’idratazione successiva della pelle mediante l’utilizzo di creme o latti che siano anch’essi dedicati alla prima infanzia e assolutamente privi di alcool e profumi in genere.
Il talco invece va usato con prudenza perchè può creare una pellicola che impedisce alla pelle di respirare.

Fonte:

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

La pelle dei neonati – Seconda parte