Gli asili nido – seconda parte

Le attività
Le attività proposte dovrebbero includere un programma educativo diversificato per le varie fasce di età dei bambini, e devono incoraggiare i bambini a partecipare ad una vasta gamma di attività ludiche ed esplorative.
Tale programma deve essere comunicato ai genitori ed illustrato loro nei dettagli.
Le attività più importanti che non devono mancare nel programma sono:
– attività che mirino all’acquisizione dell’autonomia nelle esigenze primarie (alimentazione, igiene, sonno);
– attività che mirino all’instaurarsi di relazioni significative a livello affettivo tra bambino e adulto e tra bambino e coetanei;
– attività che mirino allo sviluppo della comunicazione verbale e non verbale;
– attività di movimento, con gioco libero e percorsi motori;
– attività che mirino allo sviluppo cognitivo, con esperienze che lo guidino alla scoperta del mondo attraverso i cinque sensi;
– attività ludiche, di ruolo o didattico e attività come: manipolazione di vari materiali, pittura, disegno, collage, incastri.

L’ambiente
E’ molto importante controllare la pulizia, il grado di temperatura, la luminosità e l’ampiezza degli spazi.
In particolare, essi devono essere differenziati per le diverse fasce d’età dei bambini: generalmente sono previste una sezione piccoli (dai 3 agli 11 mesi), una sezione medi (dai 12 ai 24 mesi) e una sezione grandi (dai 25 ai 36 mesi).
Sarebbe importante anche verificare la presenza di spazi all’aperto, che devono consentire esplorazioni sicure ed essere attrezzati con giocattoli (magari con scivoli e tricicli).

La sicurezza
La percentuale di rischio d’incidenti per il bambino deve essere vicina il più possibile allo zero.
I mobili quindi devono essere a misura di bambino: angoli arrotondati, materiali sicuri e vernici atossiche.
Tutte le prese di corrente devono essere coperte dalle corrette protezioni.

Altro parametro da prendere in considerazione:

Distanza casa-asilo nido
Bisogna prendere in considerazione anche la distanza da casa che potrebbe comportare alcuni problemi e stress nel caso questa sia eccessiva.

Fonte:

Gli asili nido – seconda parte