Educare i figli: sculacciarli ogni tanto fa bene?

Un tempo lo scapaccione era utilizzato molto spesso come metodo educativo, Oggi i pareri sono contrastanti ma resta un gesto da usare con attenzione

Educare i bambini non è semplice e spesso ci si può ritrovare a doverli punire , senza sapere però come comportarsi e soprattutto quali limiti non oltrepassare.

Punizioni, castighi e a volte qualche scappellotto sono metodi utilizzati da tutti i genitori. In particolare ci chiediamo se sculacciare i figli ogni tanto può far bene a livello educativo e se ci siano differenze rispetto agli altri tipi di castigo. Innanzitutto è sempre utile ricordare che la punizione deve essere sempre equilibrata alla marachella commessa dal bambino e soprattutto deve essere pensata “a sua misura”.

Come illustrato nel sito web “Bimbi sani e belli“, gli esperti suggeriscono alcune dritte per individuare la giusta punizione. Essa deve essere immediata, quindi immediatamente successiva alla trasgressione, e singolare, cioè pensata apposta per aderire a quella situazione, non ripetitiva. In più, la punizione deve avere lo scopo di insegnare e incoraggiare e per questo deve essere messa in atto (minacciare non serve, perché si perde in credibilità) e non pubblica, per evitare di mettere a disagio o mortificare  il bambino davanti ad altri.

Inoltre, ultimo punto da rispettare perché un castigo abbia effetto è che sia breve.

Tenuto conto di questi accorgimenti per mantenere sempre il giusto comportamento nei confronti dei nostri figli, ogni tanto può scappare anche una sculacciata. La sculacciata viene spesso messa in discussione come metodo educativo perché comporta alcuni rischi. L’azione del bimbo viene interrotta nell’immediato, ma non è sicuro che non venga ripetuta successivamente. In questo caso lo schiaffo non porterebbe ad alcun risultato, se non quello di invogliare il bambino ad utilizzare la violenza in altri contesti.

La sculacciata può essere un riflesso impulsivo per il genitore, che risponde al capriccio del bambino cercando di bloccare nel modo più rapido e immediato il suo comportamento. Egli scarica la tensione accumulata a discapito del figlio. È bene che il bimbo possa ripetere ogni gesto o azione compiuta dai genitori senza incorrere in alcun rischio o comportamento sbagliato. Non è detto comunque che la sculacciata sia da evitare completamente. Anzi, non è da escludere, se si vuole dare uno stop definitivo. L’importante, come raccomandano gli esperti, è che questo gesto sia usato raramente e soprattutto con attenzione e parsimonia.

 

Educare i figli: sculacciarli ogni tanto fa bene?