Come tranquillizzare un bimbo agitato

I neonati sono spesso agitati per i motivi più disparati (fame, sonno…). Per riuscire a tranquillizzarli bisogna capire la causa del pianto e agire di conseguenza. Non sempre la comprensione è immediata, spesso sono agitati anche per motivi differenti.
Si può ragionare per esclusione: ha fame? è bagnato? ha il naso chiuso? ha sonno? oppure vuole essere preso in braccio?

La madre o il padre sono figure rassicuranti, la loro presenza, il contatto con loro funge da calmante.

Utile è cercare di ricreare l’ambiente uterino in modo da ritrovare un mondo conosciuto dove era al sicuro; quindi avvolgerlo, prenderlo in braccio, cullarlo, cantare una ninna nanna.

Un bagnetto rilassante e un massaggio delicato con olio possono tranquillizzarlo. Un alleato per i genitori di fronte al pianto disperato è il ciuccio. Il neonato ritrova le piacevoli sensazioni del succhiare, è una sorta di autoconsolazione, un modo per sentirsi sicuri e protetti di fronte alla paura al senso di solitudine.

Consulenza scientifica della Dott.ssa Elisabetta Valtorta, Psicologa clinica e psicoterapeuta della Gestalt

Fonte:

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come tranquillizzare un bimbo agitato