Come riconoscere le malattie esantematiche?

Tutti i bambini sono prima o poi colpiti dalle malattie esantematiche. Scopriamo insieme quali sono le cause e come fare a riconoscerle

Tutti i bambini piccoli sono portati a contrarre determinate malattie nei primi anni di età. Vengono definite esantematiche dalla parola esantema, cioè pustola, poichè sono tutte caratterizzate dalla comparsa di sfoghi sulla pelle. Proprio perchè sono simili è facile confonderle, quindi scopriamo insieme come riconoscerle.

Le malattie esantematiche sono 9: varicella; morbillo; rosolia; quarta, quinta e sesta malattia; scarlattina; parotite e pertosse. I bambini vengono colpiti perchè non hanno sviluppato il sistema immunitario e si diffondono tramite contagio. La varicella si manifesta con la comparsa di pustole sul corpo e sul viso. La febbre è più bassa il primo giorno e aumenta in quelli seguenti. Le pustole possono portare prurito e lasciare dei segni se vengono grattate. Il contagio avviene tramite la saliva o entrando in contatto con le vesciche. Il morbillo, invece, è caratterizzato inizialmente da febbre molto alta e solo dopo 3 o 4 giorni compaiono delle macchioline bianche all’interno della bocca.

La rosolia ha sintomi molto lievi, piccoli sfoghi rosa a partire dal viso e in seguito in tutto il corpo, gonfiore dei linfonodi, febbre e uno stato generale di leggero malessere. Si trasmette tramite la saliva ed è molto pericolosa solo se contratta in gravidanza.La scarlattina è trasmessa dallo Streptococco, è molto contagiosa e porta, in un primo momento: mal di gola, vomito, febbre e mal di testa. In seguito compare uno sfogo ai lati del torace, all’inguine e sul lato in cui il bambino dorme. A partire da queste zone si diffonde in tutto il corpo tranne che intorno alla bocca.

La quarta malattia è una forma più lieve di scarlattina, l’esantema è quasi inesistente così come gli altri sintomi. La quinta malattia inizia con uno stato di malessere e continua con uno sfogo rosso sul viso e, in seguito, su tronco, braccia e gambe. Infine la sesta malattia è caratterizzata da diversi giorni di febbre alta, che può scomparire lasciando il posto a macchie che diventano bianche quando toccate. La parotite, o orecchioni, comporta un gonfiore prima su un lato del viso e, dopo alcuni giorni, anche sull’altro. La pertosse è caratterizzata da una tosse fortissima che può causare apnee e insufficienza respiratoria.

Immagini: Depositphotos

Come riconoscere le malattie esantematiche?