Bambini arcobaleno: quando mamma e papà non impongono giochi di genere

Bambole alle bimbe e macchinine ai bimbi: nessuna impostazione di genere per i bambini arcobaleno, che imparano fin da piccoli il rispetto e l'amore per gli altri

In un tempo in cui si parla spesso di unioni civili e di diritti legati alla sessualità che si sceglie di vivere, un’attenzione particolare è dovuta ai bambini. La loro mente è malleabile, si nasce senza condizionamenti, liberi di pensiero e di azione; è poi la società in cui viviamo a determinarne inclinazione e scelte. Fino a qualche anno fa, ciò che apparteneva al mondo maschile non poteva appartenere al mondo femminile. Il rosa delle bimbe e il blu dei bimbi determinano in modo chiaro la netta differenza tra i due generi.

Ma cosa succederebbe se anziché lasciare i due colori separati provassimo a miscelarli tra loro? Cosa succederebbe se lasciassimo i bambini liberi di scegliere il loro cartone animato preferito, il gioco che piace di più, il colore che vogliono nella loro cameretta? Bambole alle femmine e macchinine ai maschi: e se invece nostra figlia volesse giocare con la macchinina e nostro figlio con le bambole? Per alcuni questo argomento è ancora un tabù, è un qualcosa che spaventa e che non ci appartiene. Altri genitori, invece, hanno deciso semplicemente di lasciar fare ai loro bimbi.

‘Raising my rainbow’ è il nome del blog e dell’omonimo libro di Lori Duron, casalinga americana che ha deciso di mettere per iscritto l’esperienza che sta vivendo con il suo bambino, che ama smaltarsi le unghie e giocare con i Mini Pony. Esperienze simili sono vissute da molte mamme che vedono i loro bambini amare giochi cha la società indicherebbe come appartenenti al genere opposto. Il termine coniato in America per loro è ‘bambini arcobaleno’, cioè bambini ai quali non si può semplicemente attribuire il rosa o l’azzurro.

I genitori che decidono di non imporre giochi di genere ai propri figli sono quelli che preferiscono che loro siano liberi di scegliere le proprie inclinazioni e i propri interessi senza alcun interesse o condizionamento, diretto o indiretto. Al vederli giocare con giochi indicati per il loro sesso, preferiscono vederli giocare felici con ciò che amano di più. E questo molte volte è oggetto di critiche da parte di altri genitori, e di scherno da parte dei loro figli. In particolare, è a scuola che i bambini arcobaleno sono maggiormente bersaglio di quelli che li considerano strani o diversi.

La domanda che tutti si pongono è: i bambini arcobaleno tenderanno ad avere un orientamento omosessuale? Alcune ricerche americane dicono di sì, sostenendo che l’appartenenza al genere viene fuori anche dai gusti in fatto di giochi. Ma non è sempre così: può anche trattarsi di una fase del bambino, destinata a cambiare col tempo.

Bambini arcobaleno: quando mamma e papà non impongono giochi di ...