L’angolo dell’allattamento: consigli su come allattare al seno

Consigli per preparare il luogo giusto per dare la poppata al tuo bambino

Per ogni donna l’esperienza di tenere al seno un bambino è diversa: alcune si trovano meglio a letto, sdraiate su un fianco; altre hanno bisogno di una poltrona o di una sedia a dondolo. Bisogna tenere presente che la durata delle poppate può variare e il bambino potrebbe voler poppare solo per cinque minuti, oppure potrebbe avere voglia di una lunga poppata rilassante di 40 minuti.
Per cominciare, è bene quindi che la mamma si semplifichi la vita il più possibile cercando un luogo nella casa dove condividere con il bambino momenti sereni e felici, di notte e giorno, dove si possa creare quel legame in cui mamma e bambino si riconosceranno.

Scegliere il posto preferito
E’ importante garantire un clima emotivo calmo e rilassato durante l’allattamento: se per la mamma allattare rappresenta un compito fisicamente scomodo da sostenere, il bambino, con molta probabilità, avvertirà le sue difficoltà e un abbraccio avvolgente spesso si tramuterà in uno stare insieme scomodo e rigido.
Fondamentale quindi creare “il nido” nel luogo della casa dove ci si sente emotivamente e fisicamente meglio.

La posizione deve essere confortevole sia per la mamma che per il bambino
Come prima regola per la scelta di questo luogo “magico” è considerare che mamma e bambino devono essere comodi per favorire un allattamento rilassato.
– La posizione della mamma può essere seduta, magari con l’aiuto di uno sgabello per appoggiare le gambe, oppure sdraiata (molte mamma sono costrette, soprattutto nei primi periodi di vita del piccolo, ad allattare anche di notte).
– La posizione distesa ideale per la mamma, è quella su un fianco rivolta verso il piccolo che porterà la sua testolina all’altezza del seno della mamma con la bocca verso areola e capezzolo.

L’importanza del silenzio o di una musica dolce
Nei primi giorni di vita il bambino è molto sensibile al cambiamento dei rumori perchè fino alla nascita è stato protetto e raccolto nell’utero della mamma e cioè in un ambiente parzialmente insonorizzato. Da qui l’esigenza di ricreare un ambiente “sonoricamente” rilassante dove il bambino possa distendersi completamente fra le braccia della mamma. Esistono musiche New Age studiate apposta per mamma e bambino e tantissime collane di suoni della natura utilissimi per favorire il rilassamento e l’intimità sia della mamma che del neonato.

Un brunch indispensabile
Durante l’allattamento il corpo della mamma cede a quello del bambino preziose sostanze nutritive. Per non impoverire il proprio organismo e non avere cali bruschi di glicemia diventa utile prepararsi un piccolo spuntino nutriente da mangiare mentre si allatta: un pezzo di formaggio oppure una banana o una fetta di dolce e un bel bicchiere da bere, acqua o un centrifugato di frutta fresca o tisane alla frutta.

Fonte: DiLei

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

L’angolo dell’allattamento: consigli su come allattare al&nbsp...