Meghan Markle e Harry, la Regina rompe il silenzio dopo l’intervista CBS di Oprah

Elisabetta II fa emettere una nota da Palazzo riguardo le dichiarazioni di Meghan e Harry

Nel giorno della messa in onda italiana (e a poche ore dalla trasmissione avvenuta negli Stati Uniti) dell’attesissima intervista di Meghan Markle e Harry rilasciata in esclusiva a Oprah Winfrey, la Regina Elisabetta II spariglia le carte in tavola e rompe il silenzio con un comunicato ufficiale che lascia tutti a bocca aperta.

Buckingham Palace ha deciso quindi di prendere subito una posizione ben precisa, evitando così di rimanere nell’ombra dopo le forti dichiarazioni di Meghan e Harry. I fatti sono importanti e nel giro di un anno li hanno portati alla rottura con la famiglia e alla migrazione verso una vita libera da impegni e doveri Reali oltreoceano. È stato un anno travagliato fatto di mezze verità, presunte riappacificazioni e questioni forse non del tutto risolte.

Da grande donna di potere e fine stratega (che nei suoi lunghi anni di reggenza ne ha viste di tutti i colori), la Regina Elisabetta non si è fatta trovare impreparata e si è definita “rattristata” dalla sofferenza raccontata dai due e dalle difficoltà che Meghan ha dovuto affrontare, soprattutto riguardo alle “questioni razziali” portate alla luce dai Duchi del Sussex. Nella nota ufficiale condivisa da Palazzo si legge che:

L’intera famiglia è triste nell’apprendere quanto siano stati duri gli ultimi anni per Harry e Meghan. Le questioni sollevate, in particolare quelle legate al razzismo, ci riguardano e verranno affrontate all’interno della famiglia.

La situazione va complicandosi se si considerano anche le delicate condizioni di salute del Principe Filippo, prossimo ai 100 anni e in ospedale a causa di un intervento al cuore che sta facendo tenere il fiato sospeso il mondo intero. In tanti ritengono che Meghan nell’intervista ci vada giù pesante, ma la Duchessa sembra aver sofferto parecchio e ha deciso di non nasconderlo più.

Per raccontare le sue verità Meghan ha scelto i pericolosi meccanismi della televisione, conscia dell’effetto boomerang che potrebbe arrivare. Nelle accuse è finita anche Kate Middleton, che i ben informati hanno definito cupa e tesa dopo le rivelazioni della Duchessa del Sussex. Insomma, la storia non finisce qui, la casata Windsor Mountbatten continua a scrivere le pagine della nuova generazione Reale e gli appassionati restano a guardare. Grazie all’esclusiva su TV8 è arrivata anche in Italia l’intervista con protagonista Meghan Markle, che ha cominciato proprio rivelando le incomprensioni con Kate Middleton:

È stata lei a far piangere me, ma si è scusata. Ha fatto quello che avrei fatto io e non potevo immaginare che mesi dopo avrebbero raccontato la storia diversamente. Tutti sapevano che non era vero, penso che la storia sia stata ingigantita dai media. È una brava persona. Se amate me non dovete odiare lei, e se amate lei non dovete odiare me.

L’intervista fiume di Meghan “assolve” la Regina descrivendola “come una nonna” gentile e accogliente, ma non salva il resto dell’entourage, anzi, lo affossa pericolosamente. Parla di protocolli negati nei confronti del piccolo Archie e di volontà di cambiare addirittura una convenzione pur di non conferirgli un titolo:

Durante gli ultimi mesi di gravidanza dicevano che Archie non avrebbe ricevuto protezione. Se è il titolo che determina il livello di protezione, come si difenderà da questa macchina di clic e tabloid? Io so bene chi sono e il titolo più importante che avrò mai è quello di mamma. Ma l’idea che mio figlio non sia al sicuro e che non riceva lo stesso titolo degli altri nipoti, lo trovo assurdo.

Ma a Palazzo, il problema più grande in merito al loro primogenito sembrava essere il colore della pelle di Archie ed è su questo punto che il comunicato della Regina fa intendere che approfondiranno internamente per capire cosa è successo. Meghan nell’intervista non ha rilevato il nome di chi, parla continuamente di “istituzione”. La Duchessa rivela addirittura di aver pensato concretamente al suicidio ma di non sapere bene cosa fare e a chi rivolgersi:

Ho chiamato le risorse umane, ho chiesto aiuto e mi dissero ‘Non possiamo fare niente perché lei non è un dipendente retribuito dell’Istituzione’. Mi risposero che erano cose che vedevano continuamente.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Meghan Markle e Harry, la Regina rompe il silenzio dopo l’interv...