Stallone: candidatura all’Oscar 2016

Nonostante l'infanzia difficile, Sylvester Stallone, attore dal grande talento, ha saputo costruire la sua carriera con coraggio e intraprendenza. Vediamo perché

Sylvester Stallone, attore di grande talento, ha avuto una carriera costellata di successi. La conferma a ciò è data dall’ennesima candidatura all’Oscar 2016 come Miglior Attore non protagonista nel film Creed Nato per combattere. La pellicola segna il proseguo della saga di Rocky cui Stallone è stato protagonista circa trent’anni fa. Rocky Balboa e Rambo, infatti, sono stati i personaggi che hanno decretato il suo successo.

La carriera di attore, produttore, regista e imprenditore di Stallone è stato sempre in ascesa. Dopo le due saghe di maggiore successo, altri film hanno confermato la sua capacità di coinvolgimento del pubblico. Le trame dei due film parlavano di un uomo in ricerca di riscatto in una società difficile in cui è faticoso emergere, come la sua vita. Molti problemi familiari e di salute, infatti, hanno segnato la sua giovinezza.

Sylvester Stallone nasce il 6 luglio 1946, in Hell’s Kitchen, un quartiere di Manhattan. I genitori erano emigrati europei in America. Il padre Frank era barbiere di origini pugliesi. La madre Jacqueline Labofish, invece, era un’astrologa figlia di un ebreo ucraino. Nel 1950 nacque suo fratello Frank jr. che anni più tardi si affermò nel mondo della musica. Il parto non fu facile e Stallone ebbe reciso un nervo facciale a causa del forcipe che procurò la paresi del lato sinistro.

La sua carriera di attore nasce quasi per caso. I suoi genitori si separarono e lui visse dapprima con il padre e il fratello. Verso l’età di 15 anni si trasferisce a Filadelfia con la madre dove si iscrive alla scuola superiore senza ottenere il diploma. Nel frattempo, pratica football e scherma, per poi continuare ad allenarsi nella palestra della madre. Riesce, quindi, ad ottenere una borsa di studio per meriti sportivi che gli consentì di studiare in un college in Svizzera.

Il teatro presso il college lo appassionò al mondo della recitazione. Tornato in America partecipò a provini vari di registi famosi. L’inizio non è stato dei più facili. Ha avuto sempre parti minori fino a quando non diventa protagonista di Rocky nel 1976. Gli anni ’80 hanno segnato la sua fama di attore. “I falchi della notte“, “Fuga per la Vittoria” e “Rambo” lo vedono come protagonista e altri lavori nel ruolo di sceneggiatore e produttore. Negli anni ’90 recita come protagonista in due divertenti film: “Fermati, o mamma spara!” e “Oscar, un fidanzato per due figlie“.

Immagini: Depositphotos

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Stallone: candidatura all’Oscar 2016