Iniettare sottopelle il sangue di un’adolescente. La nuova (inquietante) tendenza

L'invecchiamento può essere contrastato. Per farlo basta iniettarsi del sangue 'fresco'. In America è partito l'esperimento e non è affatto economico

In America un dottore sta iniettando del giovane sangue nei propri pazienti. Il progetto Ambrosia promette di fermare l’invecchiamento e riavvolgere il tempo del proprio organismo.

Invecchiare è un’idea che non piace davvero a nessuno. Per questo motivo sul web spuntano soluzioni miracolose di tanto in tanto per riuscire a invertire, o quantomeno arginare, il processo. Quella sostenuta dal dottor Jesse Karmazin ha però dell’inquietante, al punto da sembrare parte integrante di una pozione per streghe.

Il tutto non avviene con l’ausilio di un calderone, bensì in clinica, ma l’ingrediente principale farà comunque accapponare la pelle (oltre a distenderla, secondo il dottore). Si tratta infatti di sangue di un adolescente. Per Karmazin infatti le trasfusioni di sangue giovane potrebbero garantire un aspetto più giovanile, abbattendo il muro degli anni anche di un decennio.

Pazienti sopra la soglia dei 35 anni possono ritrovarsi su un lettino clinico al costo di 8mila dollari, pronte a farsi iniettare circa 2.5 litri di sangue giovane, proveniente da donatori tra i 16 e i 25 anni. La composizione dello stesso avrebbe un effetto particolarmente benefico e, pur non riuscendo a ringiovanire l’organismo, pare possa almeno ingannare l’occhio.

Il procedimento clinico porta il nome di Ambrosia, il nettare degli dei. Ciò che i pazienti riceverebbero sarebbe plasma, ovvero fluido presente nel sangue, che facilita il movimento delle cellule, stimolando il sistema circolatorio. Un modo per ritrovare quella lucentezza in volto che un tempo era qualcosa di così scontato da non doversene preoccupare.

Si fa così appello alla più grande paura del genere umano, quella di morire. Un modo per contrastarla a suon di dollari, con persone da ogni parte del mondo che hanno accettato di sottoporsi al procedimento. Neanche a dirlo, non mancano all’appello svariate celebrità, come ad esempio Kim Kardashian e Gisele Bundchen.

I risultati non sono ancora stati pubblicati. Il dottor Karmazin è però certo del proprio procedimento. Sostiene addirittura d’aver assistito a un processo di ringiovanimento nei ratti. Non soltanto un inganno per la vista dunque, bensì un modo per riavvolgere il tempo. I benefici del sangue giovane sono ancora in fase di studio, da parte di svariati medici e ricercatori. Da una rapida guarigione alla ricrescita dei capelli, con la speranza che nei prossimi anni si possa offrire al mondo una soluzione all’invecchiamento. Se avete abbastanza denaro da investire, potreste essere dei pionieri.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Iniettare sottopelle il sangue di un’adolescente. La nuova (inqu...