Riccardo Sinigallia: vita, carriera, curiosità

Riccardo Sinigallia, cantautore e produttore musicale romano, ha scritto alcune delle più belle canzoni italiane degli anni novanta e duemila

Riccardo Sinigallia nasce a Roma il 4 marzo 1970, figlio di un assicuratore e di una impiegata in una casa discografica. Inizia ad avvicinarsi al mondo della musica a soli 12 anni studiando diversi strumenti musicali, come chitarra e batteria. Il suo talento da poli strumentista lo porta a fondare il gruppo musicale 6 Suoi Ex, insieme ad alcuni importanti musicisti italiani come Nicolò Fabi e Francesco Zampaglione dei Tiromancino. Il gruppo si fa notare nella scena underground musicale di Roma tra gli anni ottanta e novanta, suonando senza sosta nei diversi centri sociali della capitale. L’amicizia e le collaborazioni tra i musicisti continueranno anche dopo lo scioglimento del gruppo, avvenuta nel 1993. Da allora Riccardo Sinigallia, insieme al fratello Daniele, inizierà un raffinato percorso di ricerca musicale e testuale.

Da metà anni novanta firma alcuni dei brani di maggior successo nelle classifiche italiane. Sarà il produttore e compositore delle canzoni di Niccolò Fabi Capelli, Rosso, Lasciarsi un giorno a Roma e Vento d’Estate, cantata da Fabi insieme a Max Gazzè, per il quale compone alcune canzoni dell’album La favola di Adamo ed Eva. Contemporaneamente collabora con vari esponenti della scena rap italiana, tra cui Frankie Hi-Nrg Mc per la canzone Quelli che ben pensano. Il brano è uno dei più grandi successi italiani del decennio e inaugurerà anche la carriera di Riccardo Sinigallia come regista. Sua è, infatti, la regia del videoclip della canzone, che vede come protagonisti Frankie Hi-Nrg e Neffa.

La collaborazione più importante e proficua è quella con il gruppo Tiromancino dei fratelli Zampaglione. Riccardo Sinigallia compone e arrangia la maggior parte delle canzoni del quinto disco La descrizione di un attimo, vero successo di vendite grazie anche al regista Ferzan Ozpetek che include alcuni brani nella colonna sonora del suo film Le fate ignoranti. Nello stesso anno partecipa per la prima volta al Festival di Sanremo con la canzone Strade, cantata in duetto con i Tiromancino. Il brano arriva al secondo posto nella categoria Giovani. Riccardo Sinigallia parteciperà altre volte al Festival di Sanremo sia in duo che come solista. Sfortunata è stata la partecipazione nel 2014, quando è stato escluso dalla competizione canora per aver eseguito il brano durante una manifestazione di beneficenza un anno prima. E’ legato sentimentalmente alla musicista Laura Arzilli, ex bassista dei Tiromancino e sua collaboratrice, da cui ha avuto due figli, Manuel e Lori.

Riccardo Sinigallia: vita, carriera, curiosità