Olimpiadi Rio 2016 , speranze azzurre: Gabriele Rossetti

Gabriele Rossetti è un tiratore a volo toscano, che parteciperà alle Olimpiadi di Rio 2016 nella disciplina dello skeet. Scopriamo quali sono le sue speranze di medaglia

Gabriele Rossetti è un atleta italiano nato e cresciuto a Ponte Buggianese, in provincia di Pistoia. Oltre a praticare la disciplina dello skeet dal 2002 è anche un membro della Polizia di Stato d’Italia. Nato il 7 marzo del 1995, il tiratore a volo italiano si è sin da subito appassionato al mondo dalle armi, tanto da iniziare a praticare lo sport da tiro a volo alla tenera età di 7 anni. Oggigiorno è uno sportivo delle Fiamme Oro e si allena principalmente con il fucile Beretta DT11, proprio come il compagno di team Alessandro Chiassese. La sua filosofia di vita è quella di lavorare sodo per raggiungere i più alti risultati.

E questi, guardando il palmares del giovane atleta, certamente non vengono a mancare. A partire dal 2010, quando Gabriele Rossetti ha iniziato a gareggiare sul campo internazionale in un Campionato del Mondo a Monaco di Baviera raggiungendo l’11° posizione, egli è riuscito a conquistare molti titoli. Nel 2014, nel Campionato del Mondo a Granada, nella categoria degli juniores, Gabriele Rossetti è riuscito a vincere l’oro. Lo stesso anno ha vinto l’oro agli Europei di Sarlospuszta, dimostrandosi un tiratore veloce e preciso. E due anni prima, ai Campionati Europei di Larnaca, è riuscito a vincere l’argento.

Ma non solo. Nella sua carriera sportiva Gabriele Rossetti ha avuto anche qualche sconfitta. Per esempio, nel 2013, quando al Campionato Europeo di Suhl gli mancarono pochi punti per piazzarsi sul Sempre nel 2013 ha vinto una medaglia d’oro nella competizione a squadre, ma riuscì a piazzarsi solo in quinta posizione nell’individuale. Anche in quell’occasione un grande ruolo giocò la sfortuna, e non certamente la qualità di Gabriele Rossetti, dimostratosi uno dei migliori del mondo.

Gabriele Rossetti si avvale di un fucile DT11 Trident Beretta, prodotto completamente in Italia. Per via delle sue caratteristiche, le quali la maneggevolezza, la durata, la precisione e il bilanciamento, questo attrezzo da molti è considerato il migliore in assoluto. Ed è anche grazie a esso che il tiratore toscano cercherà di mantenere i propri standard di tiro a un livello molto elevato, lottando per la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Rio 2016. Gabriele rappresenta una delle maggiori speranze azzurre per quanto riguarda la medaglia d’oro e sarà sicuramente interessante seguire l’andamento della sua competizione. A noi spettatori, d’altro canto, non rimane che augurargli un sincero in bocca al lupo, sperando che torni in Toscana con l’oro al collo.

Olimpiadi Rio 2016 , speranze azzurre: Gabriele Rossetti