Olimpiadi Rio 2016 , speranze azzurre: Clemente Russo

Clemente Russo costituisce una delle speranze azzurre per le prossime Olimpiadi di Rio 2016 e non vede l'ora di salire sul gradino più alto del podio

Clemente Russo è un atleta molto amato, tra i grandi favoriti per le medaglie alle Olimpiadi di Rio 2016. La carriera del pugile è costellata di successi, tra i quali le vittorie nei mondiali di specialità tra i pesi massimi e le due medaglie d’oro conseguite a Pechino 2008 e a Londra 2012. Clemente Russo non è solamente un boxeur di fama internazionale, incoronato anche tra gli atleti più sexy delle Olimpiadi, ma anche un ragazzo semplice, dal passato travagliato, che con le sue sole forze è riuscito ad emergere dalla periferia disagiata di Marcianise, un paese alle porte di Caserta.

Clemente Russo inizia a frequentare la palestra di Marcianise nel periodo dell’adolescenza, grazie ad un’idea dei suoi genitori che desiderano tenerlo lontano dai pericoli della strada, in un luogo in cui lo Stato e la legalità sono molto distanti ed è possibile imbattersi facilmente nelle cattive compagnie. Il talento del ragazzo viene individuato immediatamente dal suo allenatore che vede in lui la stoffa del campione, iniziano pertanto le prime gare locali, per poi arrivare a quelle regionali, italiane ed anche internazionali. I successi del giovane di Marcianise costituiscono un esempio per i tanti ragazzi della zona che lo vedono come un idolo.

La storia di Clemente Russo viene descritta magistralmente da Roberto Saviano in un inserto de L’Espresso, diventato in seguito un film, Tatanka, diretto dal registra emergente Giuseppe Gagliardi. La narrazione è incentrata sul desiderio di riscatto del pugile, partito da un paese di provincia e arrivato sino alla vittoria dei mondiali di categoria e alle medaglie olimpiche. Lo stesso Clemente scrive in seguito la propria autobiografia, con la quale entra anche in dettagli simpatici che riguardano la sua vita con la moglie, celebre campionessa di judo, Laura Maddaloni.

Le Olimpiadi di Rio 2016 vengono vissute da Clemente Russo come una sorta di rivincita per i due argenti conseguiti nelle passate edizioni. La voglia di salire sul gradino più alto del podio è tanta e gli allenamenti, soprattutto con l’avvicinarsi della competizione, diventano sempre più intensivi. La cerimonia di apertura dei giochi olimpici comincerà il 5 agosto, mediante la sfilata dei porta bandiera . Le speranze azzurre sono concentrate sugli atleti maggiormente rappresentativi anche se la Federazione vede con favore anche eventuali affermazioni degli atleti più giovani e dunque meno conosciuti al grande pubblico. Certamente, si tratterà di un vero e proprio spettacolo.

Olimpiadi Rio 2016 , speranze azzurre: Clemente Russo