Meghan sfida la Regina: a rischio la cittadinanza britannica

Secondo alcune indiscrezioni, Meghan e Harry starebbero pensando di trasferirsi negli States: quali sarebbero le conseguenze?

Continuano le voci che vedrebbero Meghan Markle ormai decisa a tornare negli Stati Uniti, questa volta in compagnia del principe Harry e del loro figlioletto Archie. E se queste indiscrezioni dovessero rivelarsi veritiere, la sua possibilità di richiedere la cittadinanza britannica potrebbe essere a rischio.

Nonostante abbia sposato un principe in linea di successione per il trono inglese, Meghan deve infatti rispettare determinati requisiti per potersi considerare cittadina a tutti gli effetti di legge. Attualmente, risiede in Gran Bretagna con un visto per motivi familiari, della durata di due anni e mezzo. Per poter chiedere la cittadinanza, dovrà rimanere in suolo inglese per 5 anni consecutivi, ma non è certo questo il parametro più restrittivo per la Markle. Ciò che desta preoccupazione è il fatto che, nei 3 anni precedenti la richiesta della cittadinanza, la duchessa non potrà trascorrere più di 270 giorni fuori dai confini dell’Inghilterra.

Perché tutto ciò potrebbe rivelarsi un problema? Meghan e Harry, quest’anno, si sono già recati all’estero per impegni ufficiali – su tutti, il tour in Africa che ha visto protagonista indiscusso il piccolo Archie. E sicuramente in futuro la duchessa di Sussex dovrà adempiere ad altri obblighi che la porteranno lontana da casa. Se a tutto ciò aggiungiamo quello che si evince dalle ultime notizie sulla famiglia reale, i dubbi si fanno concreti. Di recente, infatti, si è parlato della possibilità che Meghan voglia trasferirsi negli Stati Uniti con Harry e Archie, una notizia che alla Regina non sarebbe affatto piaciuta.

La coppia ha in realtà rivelato di volersi prendere una pausa dalla vita pubblica, per concentrarsi sul figlioletto. In particolare, secondo quanto riportato dai media inglesi, il principe Harry avrebbe acconsentito a trascorrere la festa del Ringraziamento negli Stati Uniti, così che Archie possa vivere la quotidianità di un normale neonato, assieme alla nonna – Doria Ragland, mamma di Meghan, che abita a Los Angeles. Si tratterebbe di una pausa di sei settimane, un periodo decisamente molto lungo, nell’ottica di ottemperare ai requisiti per poter richiedere la cittadinanza britannica.

Non c’è dunque bisogno di un trasferimento definitivo in America, per far sì che la Markle sia costretta a dire addio alla possibilità di diventare una cittadina inglese. Tornare a vivere negli Stati Uniti, anche se solo a tempo determinato, potrebbe risultare sufficiente.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Meghan sfida la Regina: a rischio la cittadinanza britannica