Meghan Markle, la rivincita della Duchessa di Sussex contro i tabloid

Prima vittoria in tribunale per Meghan Markle contro i tabloid britannici: il giudice ha stabilito che hanno violato la sua privacy

Meghan Markle porta a casa una vittoria nell’azione legale intentata contro alcuni tabloid inglesi, accusati di aver violato deliberatamente la sua privacy. La Duchessa di Sussex ha citato in giudizio la Associated Newspapers, l’editore del MailOnline e del Mail On Sunday, per violazione del copyright (ovvero del diritto d’autore) e violazione della privacy a seguito della pubblicazione di alcuni articoli che mostravano brani di una lettera da lei scritta privatamente a suo padre, Thomas Markle, nell’agosto del 2018.

Giovedì 11 febbraio è arrivata una prima sentenza dell’Alta Corte londinese in merito al caso. Il giudice Mark Warby ha concesso a Meghan Markle un giudizio immediato, accogliendo quindi la richiesta degli avvocati ingaggiati dalla Duchessa e dal Duca di Sussex. Una vittoria parziale ma già importante, che eviterà di andare a processo. Il giudice Warby ha dichiarato: “Il ricorrente aveva una ragionevole aspettativa che il contenuto della lettera sarebbe rimasto privato. Gli articoli del Mail hanno interferito con tale ragionevole aspettativa”.

Anche in relazione alla rivendicazione sul copyright avanzata dagli avvocati di Meghan il giudice Warby ha ritenuto che la pubblicazione della lettera violasse il diritto d’autore. Ha anche precisato che se nei prossimi mesi verrà accertata la presenza di un “co-autore”, probabilmente questa accusa decadrebbe e si andrebbe a processo. La difesa della Associated Newspapers, infatti, continua a sostenere che la lettera di Meghan Markle non sia di prima mano, ma scritta con l’aiuto di Jason Knauf, ex segretario per le comunicazioni del Duca e della Duchessa di Sussex. Pertanto si svolgerà un’ulteriore udienza in tribunale a marzo, mentre l’editore del Mail ha già annunciato che farà ricorso.

Meghan Markle intanto ha rilasciato una dichiarazione ufficiale, ringraziando prima di tutto la giustizia britannica per aver agito contro le “pratiche illegali e disumanizzanti” della Associated Newspapers e del Mail on Sunday. La Duchessa di Sussex, come sempre, non si è risparmiata e ha rincarato la dose affermando: “Il mondo ha bisogno di notizie affidabili, verificate e di alta qualità. Quello che fanno il Mail on Sunday e gli altri tabloid è l’opposto. Tutti perdiamo quando la disinformazione vende più della verità, quando lo sfruttamento morale vende più della decenza e si imposta il proprio modello di business per trarre profitto dal dolore delle persone”.

Poi, naturalmente, non è mancata una dedica speciale all’inseparabile marito, il Principe Harry, sempre al suo fianco in ogni battaglia: “Desidero ringraziare mio marito, mia madre e il team legale, in particolare Jenny Afia per il suo inesorabile supporto durante questo processo”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Meghan Markle, la rivincita della Duchessa di Sussex contro i tabloid