Kate Middleton a Wimbledon rompe il protocollo per Federer

Kate Middleton, impeccabile alla finale di Wimbledon, si lascia andare e tocca il braccio a Federer in un gesto consolatorio

Kate Middleton ha brillato alla finale di Wimbledon, nonostante abbia trascurato il protocollo.

Da madrina della manifestazione, è toccato a lei l’onore di premiare il vincitore Novak Djokovic che ha battuto Federer nella finale più lunga della storia di Wimbledon.

La Duchessa di Cambridge ha assistito dagli spalti al match durato quasi 5 ore. Con lei il marito William, la coppia è apparsa in perfetta sintonia, sorridente e felice di assistere alla partita. Come è noto i due sono dei grandi appassionati di sport.

Poi Kate è scesa in campo per la premiazione. Dopo l’abito verde di Dolce & Gabbana, Lady Middleton ha optato per un lungo vestito color ghiaccio di Emilia Wickstead da 1210 sterline che ha abbinato a delle scarpe con cinturino alla caviglia, firmate Aldo da 60 sterline che però fanno rimpiangere le sue splendide Gianvito Rossi.

Impeccabile consegna la coppa a Djokovic e gli si rivolge con le solite frasi di circostanza complimentandosi della performance.

Poi tocca a Federer che tra l’altro è il tennista preferito da George, primogenito di Will e Kate. La Duchessa gli consegna il trofeo, si intrattiene con lui qualche minuto e gli appoggia la mano sulla spalla, contravvenendo così al protocollo di Corte che vieta qualsiasi contatto fisico che non siano strette di mano ufficiali. Non a caso, la Regina Elisabetta indossa quasi sempre i guanti.

Il gesto consolatorio di Kate però è così spontaneo e delicato che non suscita alcuna irritazione tra gli ambienti più rigidi di Palazzo. Lady Middleton sempre più si sta calando nel ruolo di futura Sovrana. E nonostante le voci sul tradimento di William, i due almeno in pubblico si dimostrano una coppia solida, lontana dagli eccessi di Meghan e dalle espressioni cupe di Harry che sembrano la dimostrazione di qualcosa che non va tra loro.

Kate Middleton a Wimbledon rompe il protocollo per Federer