Esami o compiti delle vacanze? Porta in tavola questi alimenti

Cosa mangiare durante i tre pasti principali quando si è impegnati in dure sessioni di studio

L’estate è per molti sinonimo di studio. Dalle sessioni d’esame ai tanti odiati assegni per le vacanze. Ecco come trovare le giuste energie a tavola.

Studiare in estate è una realtà che vede protagonisti tantissimi ragazzi. Che si tratti di test d’ingresso, sessione d’esami all’Università o compiti per l’estate assegnati dalla prof al liceo, la fatica si fa sentire il doppio e spesso anche più. L’afa abbatterebbe chiunque e proprio per questo si va spesso in cerca di aiuti esterni.

Uno di questi è una dieta equilibrata, che possa garantire l’apporto necessario di vitamine di cui si ha bisogno. Esiste dunque un regime alimentare ideale da seguire quando si è in fase di studio, così da non sentire la stanchezza (almeno in parte), provando quasi a sorridere dinanzi ai libri.

Stando ai consigli della dottoressa Eva De Novellis, nutrizionista, di primo mattino si ha bisogno della giusta idratazione, oltre che di un quantitativo di nutrienti, al fine di risvegliare mente e corpo. La cosa migliore da fare sarebbe partire con tè verde, fresco e depurativo, con al suo interno antiossidanti per la pelle e il sistema immunitario, oltre che polifenoli.

In alternativa una tazza di latte, ricca di nutrienti, che può considerarsi anche un alimento completo. Dinanzi alla prospettiva di una dura giornata, sarà bene mangiare qualche fetta biscottata con del miele, che è un energizzante naturale, o magari della marmellata, accompagnando il tutto con della frutta fresca.

A pranzo si dovrebbe fare un mix tra carboidrati (magari del riso integrale), verdure (o legumi), che offrono il giusto apporto di fibre, proteine e vitamine. Il piatto ideale sarebbe rappresentato da un’insalata di riso, fredda, con mais, carote e piselli, o magari un piatto di riso basmati con pollo alla piastra. Quando invece fa così caldo che mangiare non sembra proprio un’opzione, un’insalata accompagnata da grassi buoni, come ad esempio l’avocado, può dare la giusta energia.

Molto spesso capita di dover studiare fino a tardi, con delle distruttive sessioni notturne. Per questo tipo di sforzi mentali e fisici si raccomanda del pesce al cartoccio con limone. Come contorno invece delle verdure. Il pesce è ricco di Omega, il che aiuta la concentrazione e stimola il buon umore, di cui si avrà di certo bisogno se ci si prepara a dormire poche ore a notte.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Esami o compiti delle vacanze? Porta in tavola questi alimenti