Dislessici, il font che li aiuta a leggere

Un grafico italiano ha creato il primo font che aiuta i dislessici a leggere senza problemi e che potrebbe cambiare il mondo

Un font per aiutare i dislessici a leggere e abbattere le barriere create dal loro cervello e da questa malattia che spesso provoca frustrazione e isolamento sociale. L’idea nasce grazie a Federico Alfonsetti, grafico ed ex editore, che ha deciso di realizzare un font studiato per i malati di dislessia, partendo dalla sua esperienza personale. Tutto è iniziato dopo aver fatto i compiti di scuola con il figlio e il suo migliore amico. All’epoca i bambini avevano otto anni, ma mentre il figlio di Alfonsetti leggeva in modo spedito, il suo compagno, nonostante fosse molto intelligente, non riusciva a mettere insieme le parole.

Colpa della dislessia e di quei caratteri troppo simili fra loro per essere riconosciuti dal cervello. “Chi non ha questo problema quando legge non segue la singola lettera – ha spiegato -, intuisce la parola e va avanti. I dislessici invece decifrano lettera per lettera e poi mettono insieme il significato della parola. E più il font è difficile più trovano difficoltà”. Da qui l’idea di fare qualcosa. Come? Creando un font comprensibile anche per i dislessici. In questo modo è nato EasyReading “l’unico font ad alta leggibilità al mondo – ha svelato il suo inventore -. A dimostrarlo sono diverse ricerche scientifiche, che hanno evidenziato come sia un carattere facilitante per tutti”.

“È una questione di “riccioli” – ha rivelato Alfonsetti -. Anzi, di “grazie”, come vengono chiamate in gergo tipografico. Nessuna lettera è uguale ad un’altra: una p non è fatta come una d capovolta, ma cambiano i contorni, in modo che il cervello sia in grado di distinguerle sempre”. A beneficiarne non sono solamente i dislessici, che riescono a leggere senza problemi, ma anche tutti gli altri, che incappano molto di meno negli errori. Ora il grafico di Torino, dopo aver ricevuto il benestare del ministero italiano dello Sviluppo Economico, è pronto ad esportare il font in tutto il mondo, mentre anche Microsoft è sempre più interessato al progetto.

Dislessici, il font che li aiuta a leggere
Dislessici, il font che li aiuta a leggere