Depilazione totale: sempre più donne la scelgono

La depilazione totale e le donne del 21°secolo: perché scegliamo di farla?Quali sono i vantaggi? Vediamo quali regole seguire se si opta per questa soluzione

Sempre più donne scelgono la depilazione totale, tuttavia se siamo fornite di tale peluria un motivo ci sarà. Le mode cambiano e in meno di un secolo siamo passate dall’abito lungo, che lasciava ampio spazio all’immaginazione di cosa ci fosse sotto, alla minigonna. Lo stesso vale per i capelli, il trucco, e perché no, anche alla depilazione del corpo e intima. Se, per esempio, negli anni quaranta non si dava peso ai peli pubici, per le donne del secolo odierno questa è diventata una vera e propria ossessione. Certo, c’è anche chi se ne interessa poco e mantiene il suo “orticello in ordine” solo durante l’estate o in determinate occasioni.

C’è invece chi passa più tempo dall’estetista che tra le braccia del proprio partner, ma che voi facciate parte di uno piuttosto che dell’altro schieramento, ricordatevi che è importantissimo preparare la pelle allo stress da depilazione. Chi decide di osare, lo fa per vari motivi. Chi per assecondare un desiderio maschile, quello di avere un rimando alla purezza ma attenzione però che alcuni uomini questo non lo apprezzano. C’è chi sostiene che aumenti il piacere sessuale. Per alcune è una semplice scelta estetica; stare in spiaggia con il rischio che la “foresta amazzonica” esca dai lati del bikini non è molto glamour e neppure rilassante.

Infine per altre è una decisione dettata dal pensiero di una maggiore igiene. Ma purtroppo, care amiche, dobbiamo ricrederci. Dopotutto, se la nostra parte più esposta e delicata, ha un “boschetto”, ci sarà un motivo? A supporto di quest’affermazione arriva uno studio del dottor Benjamin Breyer, professore associato presso il dipartimento di urologia di San Francisco, il quale afferma che la ceretta all’inguine sia associata alla trasmissione di malattie e virus. A questo studio hanno partecipato più di 3000 donne tra i 18 e i 64 anni, l’84% di loro era rasata, probabilmente a causa delle forti pressioni esterne che stanno aumentando negli ultimi anni.

I peli pubici formano uno strato protettivo che riduce il rischio di contrarre infezioni e malattie sessualmente trasmissibili. E se queste affermazioni non fermano la vostra voglia di “disboscamento”, ecco alcune regole per farlo al meglio. La zona è delicata, per cui procedete per gradi: prima l’inguine, poi una ceretta brasiliana e infine la depilazione totale. Lo shock visivo e il dolore saranno minori. Un’eccessiva sollecitazione della zona potrebbe crearvi irritazioni e rovinare la pelle, quindi alternate dei periodi di ceretta brasiliana alla depilazione totale. E se proprio non volete rinunciarvi, idratate bene prima e dopo la depilazione, magari scegliendo una crema che rallenti la ricrescita del pelo.

Depilazione totale: sempre più donne la scelgono