Coraggio coniglio: contro la violenza sui conigli d’allevamento

Petizione animali: sul sito Coraggio Coniglio si può guardare liberamente il video denuncia sull'orribile matrattamento dei conigli da allevamento

Petizione animali per salvare i conigli? A promuovere questa domanda è La Lega Antivivisezione (Lav) ed Animal Equality che si sono mosse con l’obiettivo di rendere note le condizioni orribili a cui sono sottoposti i conigli d’allevamento. Per diffondere ad ampio raggio tale situazione drammatica si è pensato di realizzare un interessante video: Un viaggio di sola andata. Si tratta di un servizio-denuncia in cui appare chiaro che questi conigli, destinati alle tavole dei consumatori, siano sottoposti a brutalità inaudite e non ricevono alcuna cura.

La petizione animali della Lega Antivivisezione (Lav) ed Animal Equality prende vita con l’intento di far conoscere la presenza reale di minacce contro i conigli da parte degli esseri umani. Si è deciso di pubblicare le riprese sul sito di Coraggio Coniglio per dare una risposta agli interrogativi che l’80% degli italiani si pone sulla gestione degli animali da allevamento. Occorre anche incoraggiare la firma per chiedere alle autorità competenti di creare una nuova legge che riconosca il coniglio come animale familiare.

La petizione animali è sempre più sostenuta, soprattutto dopo la visione delle immagini. I conigli vengono caricati sui camion in modo atroce ed in seguito vengono portati ai mattatoi. Ciò che appare chiaro dal video Un viaggio di sola andata è lo stato di completo shock a cui sono purtroppo sottoposti tali animali prima della macellazione. Il moto di insurrezione contro queste scene a dir poco raccapriccianti è divenuto un dato di fatto: non solo non è giusto comportarsi in questo modo, ma tale azione è nociva anche per le persone che si cibano di carne di coniglio.

E’ stato possibile realizzare il video grazie ad un intenso lavoro di investigazione, effettuato in vari allevamenti e macelli di conigli. Si spera che i ministri della Salute e delle Politiche agricole non chiudano gli occhi dopo aver vagliato questa testimonianza, ma che prendano al più presto una posizione. Secondo Matteo Cupi, direttore esecutivo di Animal Equality Italia, non esistono ancora dei veri e propri standard di riferimento a cui devono sottostare gli allevamenti di conigli. Per questo sono solo loro alla fine a doverne pagare le conseguenze.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Coraggio coniglio: contro la violenza sui conigli d’allevamento