Che fine ha fatto Sean Connery

Sean Connery, diventato famoso come agente 007, ha alle spalle una carriera di oltre mezzo secolo. E' l'idolo di generazioni di donne innamorate di lui

Sir Thomas Sean Connery, scozzese, classe 1930 è da oltre cinquanta anni il sogno proibito di generazioni di donne che riconoscono in lui l’uomo ideale. Alto quasi 1,90 cm, bello, elegante, afflitto da una calvizia precoce che ha solo aggiunto fascino alla sua immagine. Due matrimoni e un figlio dalla prima moglie. Questo è quasi tutto quello che si conosce di lui fuori dal set. E’ uno dei pochi attori con una vita priva di notizie degne di gossip.

A sedici anni si arruola in Marina, dove rimane solo quattro anni per via di una grave ulcera gastrica . La sua prestanza fisica lo aiuta non poco e a 23 anni si classifica al terzo posto nel concorso di Mister Universo. E’ il rappresentante della Scozia, suo paese d’origine, al quale rimarrà fortemente legato per tutta la vita. Sul braccio destro ha un tatuaggio: Scotland forever. Spesso si fa fotografare con il kilt, tipico gonnellino scozzese. Intanto la partecipazione al famoso concorso di bellezza serve a farlo notare e così inizia la sua carriera nel mondo del cinema.

La svolta importante arriva nel 1962 quando Sean Connery viene scelto per interpretare il ruolo dell’agente segreto britannico James Bond, in codice 007. I film, tratti dai romanzi di Ian Fleming, riscossero un successo superiore ad ogni aspettativa. Connery fu l’interprete principale dei primi sette film, poi passò il testimone ad altri attori ma, nell’immaginario collettivo, è solo lui il vero ed unico 007. La sua carriera continua con pellicole sempre degne di nota: Marnie, Zardoz, Assassinio sull’Orient Express, Caccia a Ottobre Rosso, Highlander, Atmosfera Zero e tanti altri.

Il Premio Oscar per Sean Connery arriva nel 1987 con “Gli Intoccabili” di Brian De Palma, dove interpreta l’incorruttibile poliziotto Jimmy Malone. L’anno precedente ha reso una indimenticabile interpretazione di Guglielmo di Baskerville ne “Il nome della Rosa”, tratto dall’omonimo romanzo di Umberto Eco. Nel 2006, a tre anni dall’ultimo film interpretato e prodotto, “La leggenda degli uomini straordinari”, annuncia il suo ritiro dalle scene.
Ogni tanto qualche giornale pubblica uno scoop su una presunta malattia invalidante o la morte improvvisa. In effetti Sean Connery vive con la moglie Micheline Roquebrune, sposata in seconde nozze nel 1975 e gioca a golf come si conviene ad un attore, un sir, un uomo scozzese del suo calibro.

Che fine ha fatto Sean Connery