Arisa, da Sanremo al cinema: artista a tutto tondo

Dagli occhialoni anni Venti e tanta Sincerità a valletta di Sanremo e giudice di talent show,: Arisa tra musica, cinema e romanzi.

Era il 2008 quando Rosalba Pippa, in arte Arisa (acronimo delle iniziali della sua famiglia), vinse SanremoLab e l’anno successivo si presentò sul palco del Teatro Ariston con un look anni Venti. Occhialoni neri, una canzoncina swing cantata assieme a Lelio Luttazzi e un’aria decisamente stralunata. Nessuno avrebbe immaginato cosa sarebbe diventata negli anni successivi, una vera e propria trasformista e un’artista eclettica che spazia con nonchalance dal cinema all’editoria, dal doppiaggio alla televisione, senza mai dimenticare la musica, suo primo amore.

Oggi Arisa ha un suo pubblico di follower su internet e di sostenitori nelle tournèe, ha scritto canzoni con il suo ex Giuseppe Anastasi, due romanzi ispirati, Il Paradiso non è un granché e Tu eri tutto per me, fatto svariati cambi di look (ha attraversato anche la fase biondo platino), prestato la voce a personaggi dei cartoni animati, recitato in tre commedie, tra cui Tutta colpa della musica di Ricky Tognazzi, fatto il giudice in due edizioni di X Factor Italia e la conduttrice televisiva.

Ha all’attivo quattro dischi, l’ultimo è Se vedo te, tanti riconoscimenti e premi a livello nazionale, realizzato collaborazioni artistiche con Big Fish e i Club Dogo, con i quali ha inciso il tormentone Fragili, e seppur residente a MilanoArisa ha sempre la Basilicata nel cuore.

In attesa di rivederla al Festival di Sanremo 2016 tra i big della canzone, sui quali ha primeggiato con il brano Controvento nel 2014 e con La notte due anni prima classificandosi al secondo posto (senza dimenticare l’avventura come valletta insieme ad Emma nel 2015), Arisa si fa vedere e sentire non solo attraverso i suoi social network in cui è molto attiva ma anche con il recente reality show tra i monti della Valle D’Aosta, Monte Bianco – Sfida Verticale, dove si è improvvisata un’alpinista alle prese con una scalata e un adventure game.

La svolta è arrivata grazie a Victoria Cabello che l’ha voluta nella sua fortunata trasmissione del 2010, Victor Victoria, che ha anticipato di due anni la sua partecipazione al Festival di Sanremo.

Una Arisa completamente rinnovata e rigenerata che ha abbandonato i vestiti dal gusto vintage e il make up da fumetto ed è entrata nelle case degli italiani, facendosi apprezzare ancora di più per la sua voce delicata ma vibrante. Più in forma e dal look più pulito, Arisa fa strage di cuori e critica.

 

Arisa, da Sanremo al cinema: artista a tutto tondo