Safroncik lascia “Le tre rose di Eva”: intervista esclusiva

L'attrice, molto amata dal pubblico, ci parla un po' di sé e delle sue nuove scelte lavorative...

Un’incredibile rivolta dei fan si è scatenata sui social alla scoperta dell’uscita di Anna Safroncik della 3° stagione della serie Le tre rose di Eva. La decima puntata, andata in onda venerdì scorso, ha rivelato la morte del personaggio di Aurora Taviani interpretata dalla popolare e amatissima Anna, protagonista della serie cult di Canale 5. La serie fenomeno ha segnato ascolti da record ma ancor di più, ha incollato allo schermo famiglie intere appassionando il pubblico di tutte le età per tre intere stagioni. La nostra inviata di moda Wilma Faissol, meglio nota come Lady Facchinetti, ha fatto una chiacchierata con Anna per raccogliere le sue prime impressioni, eccone il resoconto…

Il giorno dopo la notizia della morte del personaggio di Aurora Taviani, sono arrivata a Roma per un evento di Louis Vuitton e Anna mi ha ospitata a casa sua, un bellissimo attico di lusso in zona Parione con vista a 360 gradi sulla città. Ci siamo sedute sul balcone con un bicchiere di vino e lei mi ha raccontato del suo addio alla tv e delle sue nuove avventure nel cinema.

Ho conosciuto Anna Safroncik un paio di anni fa attraverso il suo fidanzato, un grande amico imprenditore. Siamo usciti per cena e la prima cosa che mi ha colpito sono stati i suoi felini occhi azzurri e il neo alla Claudia Schiffer, perfettamente in bilico sopra le sue labbra carnose. Si muove con la grazia di una prima ballerina e riesce a mangiare una bruschetta con le mani con la delicatezza di un pittore rinascimentale (mentre io avevo tutti i pomodorini sparsi per terra). In sua presenza non si può fare a meno di sentirsi come un’orco, meno desiderabile del pesce crudo. Per rendere le cose ancora peggiori, lei è simpaticissima, con una cultura sterminata e parla con la dolcezza di un cherubino. Non c’è da sorprendersi per il numero di fan delusi che chiedono il ritorno della Safroncik alla serie TV.

“Per tre stagioni Le tre Rose di Eva mi ha portato tanta gioia. Ho avuto l’opportunità di vivere un personaggio e di vederlo crescere e svilupparsi in una donna piena di forza e coraggio. Sono molto grata a tutti coloro che hanno partecipato alla realizzazione di questo meraviglioso progetto, sopratutto ai miei fan, che mi hanno seguita e supportata attraverso la mia carriera. Adesso inizio la mia nuova avventura nel cinema“.

Sulle orme di Alessandro Preziosi, uscito da Vivere, Vittoria Puccini nata con Elisa di Rivombrosa e tanti altri, Anna Safroncik si è aperta le porte al grande schermo. Tra i suoi prossimi progetti ben due film per il cinema in uscita in prossimo autunno: Poli Opposti, con Luca Argentero di Max Croci, una commedia romantica, e Il Traduttore, un film drammatico, accanto a Claudia Gerini con la regia di Massimo Natale.

Sul red carpet ormai siamo abituati a vederla, icona di eleganza per cui ormai è ben nota. Durante lo scorso Festival di Cannes è stata una delle best-dressed, indossando Alberta Ferretti e Cartier e con i capelli raccolti, come una Audrey Hepburn dei nostri tempi. Durante la nostra lunga chiacchierata, mi ha rivelato qualcosa di sé…

Qual è il tuo stile?
Sono molto romantica e mi piace tanto lo stile femminile e delicato. Penso che sia un’influenza della mia mamma, che era prima ballerina ai suoi tempi. (Ecco perche la Safroncik sembra sempre che stia camminando sulle nuvole!)

Tu non usi mai il trucco, a parte il mascara. Quali sono i tuoi segreti di bellezza?
Non ho mai fatto ricorso a nessun tipo di chirurgia, sono totalmente naturale. Uso crema La Mer sul viso al mattino e alla sera, è come un elisir di lunga vita per la pelle, non potrei vivere senza. Dopo una settimana la pelle diventa di velluto e più fresca e luminosa, sento la differenza se sto più di due giorni senza usarlo. Sul mio balcone ho delle piante di aloe vera: le taglio, le apro e metto la polpa sul viso per qualche minuto, come una maschera naturale. L’aloe vera è buonissima per idratare, bevo anche un bicchierino di Aloe Vera Esi che compro in farmacia, ogni mattina a digiuno e alla sera prima di andare a letto.

Come ti vesti nella vita di tutti i giorni?
Sempre molto casual, jeans con una maglietta e giacca o chiodo. Ai piedi alterno Converse o un tacco, dipende dell’occasione.

Chi sono i tuoi stilisti preferiti?
Amo la femminilità di Alberta Ferretti e la sensualità di Dolce & Gabbana. I miei accessori preferiti sono quelli di Céline. Per quanto riguarda i jeans, uso sempre il marchio del mio fidanzato, Don’t Cry: mi vestono bene e sono super comodi.

Cosa c’e nella tua wish list adesso?
Un viaggio in una parte del mondo che ancora non conosco. Mi piace tanto entrare in contatto con nuove culture, vedere nuovi posti, conoscere nuove persone, credo che questo faccia molto bene a un’attrice.

Quali sono le 5 cose essenziali che porti con te quando viaggi?
Crema idratante per il viso La Mer, camicia bianca Zara, felpa leggera di cashmere Trussardi, macchina fotografica Laica perché adoro decorare la casa con le mie foto stampate, shampoo e maschera Pro-Keratin Refill di L’Oreal.

I 5 pezzi essenziale nel tuo guardaroba?
Skinny jeans Don’t Cry, blazer Costume National, abito nero Calvin Klein, t-shirt bianca H&M e un paio di scarpe nude Valentino che metto quasi ogni giorno.

Cosa c’e sempre dentro la tua borsa?
Fluido protettore spf 50 La Mer, Baby Lip Balm Kiehl’s, occhiali Miu Miu, un libro e una sciarpa colorata Faliero Sarti perché ho sempre freddo!

Cosa fai per rilassarti?
Guardo la tv sdraiata sul divano con i mie gatti e il mio fidanzato, leggo un buon libro e spesso suono il pianoforte quando torno dallo studio.

Il tuo regista preferito?
Ho sempre amato Fellini, da piccola mia mamma guardava sempre i suoi film. Per me è un onore essere un esponente del cinema italiano ed è stato più che meraviglioso lavorare con Max Croci e Massimo Natale.

Sei un’artista poliedrica. Cosa sogni per la tua nuova vita nel cinema?
Sono molto contenta di aver interpretato tanti ruoli diversi nella mia carriera di attrice. Mi piace molto la commedia romantica, il mio sogno è diventare la Sandra Bullock italiana!

Safroncik lascia “Le tre rose di Eva”: intervista esc...